menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viaggio alla scoperta dell’Umbria nascosta: l’antico castello di Monte Ruffiano

Una mappatura ideale all'insegna di un percorso itinerante "fuori dal comune", per scoprire ciò che si nasconde nelle campagne e colline dell'Umbria. Itinerari rurali tra antichi ruderi e curiosità. Quinta puntata

È labile il confine tra verità e leggende, storia e folklore, nello studio e nella memoria delle antiche edificazioni secolari; in una terra intrisa di magia e storie, come l’Umbria. Ancora evoca, nei tracciati dei suoi percorsi, presagi e inquietudini, abbandoni forzati in seno a qualche particolare vicissitudine, di piccoli centri rurali sperduti tra le sue colline, mappando una storia “invisibile” ancora viva e presente negli echi delle poche tracce rimaste, quasi sepolte dal tempo e discretamente nascoste dalla flora rigogliosa di questa regione, custode gelosa della sua antichissima e preziosa storia. 

A Passignano sul Trasimeno, poco dopo il paese di San Vito, una monumentale rocca dal profilo sinistro e affascinante, padroneggia il meraviglioso paesaggio sottostante: il castello di Monte Ruffiano. Circondato attualmente dal silenzio e dalla solitudine, durante il Medio Evo, sorse intorno al castello, un copioso agglomerato urbano, tanto da raggiungere più di 200 abitanti, che progressivamente abbandonarono il villaggio, in seguito alla guerra di Castro tra le truppe toscane del granduca Fernando II e quelle papali. 

Dopo la guerra Passignano fu ceduta alla Toscana. Correva l’anno 1643.In un clima esasperato dalle battaglie, gli abitanti lasciarono il villaggio; solo alcuni contadini locali, continuarono a frequentare la rocca, visto che al suo interno c’era  una chiesa dedicata a Santo Stefano, ancora visibile al piano terra del rudere. Il castello infatti, edificato intorno al X secolo, sorse dagli antichi resti di una chiesetta, poi inglobata al suo interno; San Rufino de Forcella lacus (punto di  congiunzione delle strade sotto al castello). 

Il castello risulta avere una probabilissima origine romana, dato che proprio in questo periodo, vennero erette a Passignano torri d’osservazione, fortificazioni e insediamenti romani. Il Trasimeno, grazie alla ricchezza del suo territorio, favorita  dal lago con la pesca, divenne prezioso luogo di interesse economico e militare. La storia del castello di Monte Ruffiano, ha rappresentato, per la regione, una rocca difensiva importante sulla “via toscana”; l’unico passaggio, per secoli, dal centro Italia al nord.

Del suo antico fasto, oggi non rimane che un rudere costituito solo dal cassero e da una torre piegata dall’incuria del tempo.Vecchie leggende popolari narrano ancora di sinistre presenze che abitano il castello di Monte Ruffiano, un crocevia presso la torre è chiamato ancora "incrocio delle streghe".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento