VIAGGIO NELLE PARROCCHIE - Prepo, San Faustino e Ponte della Pietra: un'unità pastorale fondata su comunione e amicizia

Un territorio che conta oltre 14.000 residenti con un'incredibile fermento attorno alla vita delle tre parrocchie: giovani, famiglie e tanti gruppi di preghiera. E ora il progetto della grande chiesa interparrocchiale

La parrocchia di S. Maria in Prepo è strettamente connessa con le altre due parrocchie che compongono la stessa unità pastorale: quella di San Faustino e quella di Ponte della Pietra. C’è un perché a tutto questo, e il motivo affonda le sue radici in una storia fatta di preghiera e di comunione. Infatti il parroco don Giuseppe Gioia, arrivato negli anni Settanta in obbedienza al Vescovo di allora, non avrebbe immaginato quale grande famiglia di famiglie sarebbe sorta un giorno in quella zona…
Sono passati oltre 40 anni, a don Giuseppe (conosciuto da tutti come don Peppe) si è affiancato don Antonio Paoletti, la cui vocazione sacerdotale è nata proprio a Prepo, ed è lui a raccontarci cosa è oggi questa unità pastorale.
“Non solo la mia vocazione, ma anche quella di tante altre persone attive nell’unità pastorale oggi, sono frutto della bellissima esperienza spirituale portata avanti da don Peppe e da tutti quelli che si sono sentiti chiamati e coinvolti in questa esperienza di vita e di fede. Basti dire il nome di suor Roberta Vinerba, oggi parte viva e attiva della unità, così come don Fabrizio Crocioni, parroco di S.Faustino e Ponte della Pietra assieme al vice parroco don Oscar Bustamante, ma poi le tante famiglie nate e cresciute intorno alla parrocchia di Prepo. 
Il bacino demografico della zona relativa alle tre parrocchie - prosegue don Antonio - conta circa 14.000 persone, l’Oratorio Giovanni Paolo II accoglie 600 ragazzi e nella sola chiesa di S. Maria in Prepo alle Messe ci sono circa 500 persone, suddivise nei vari orari. Nella nostra parrocchia il punto di forza è che c’è posto per tutti. Infatti Prepo è una delle poche realtà in cui sussistono più cammini di fede, come il Cammino Neocatecumenale, il Rinnovamento nello Spirito, ma anche tanti gruppi di preghiera e condivisione, come i Cani Sciolti e il gruppo Ora Media e i 15 laboratori dell'oratorio, come il gruppo ‘A fossi e a greppi’, che organizza escursioni e gite alla scoperta delle meraviglie del Creato. Tutti collaborano insieme a rendere questo quartiere bello, accogliente e vivibile per tutti”.
Sono moltissime le attività della parrocchia di Prepo che coinvolgono il territorio: oltre al grande oratorio, uno fra i primi di Perugia (basti dire che attualmente con i Grest sono impegnati 8 team di volontari per un totale di 100 bambini), l’esperienza per i ragazzi delle scuole medie, gli I-Care, l’esperienza de L’Alveare, con una storia iniziata nel 1984 e oggi ancora viva e feconda insieme al gruppo dell'Arcaeomega; poi gli adolescenti delle Sentinelle, il gruppo di preghiera e servizio a giovanissimi e anziani soli e ancora i gruppi famiglia, che condividono esperienze di vita come le vacanze insieme, momenti in cui si vive in armonia e divertimento alla luce del Vangelo di Gesù”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I numeri dell’unità pastorale di Prepo-San Faustino-Ponte della Pietra hanno reso necessaria la costruzione di una nuova chiesa, attualmente in fase di realizzazione nella zona di Ponte della Pietra. Sarà un edificio in grado di ospitare fino a 450 persone sedute, con annessi gli spazi per un grande oratorio, un campo da calcetto, un salone parrocchiale e anche ambienti per gli incontri dei vari gruppi afferenti alle parrocchie.
In tanti si sentono “a casa” quando pensano alla parrocchia di Prepo e dintorni: ecco perché si è sentita l’esigenza di costruire il nuovo complesso interparrocchiale, che porterà lo stesso nome dell’oratorio di Prepo: san Giovanni Paolo II, una figura di riferimento per i sacerdoti e i laici di questo quartiere della città di Perugia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento