rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

Viaggio nella giustizia - Il difensore d’ufficio, una figura mitica tra fiction e realtà

Inizia con questo articolo l'inchiesta che la nostra testata dedica al mondo dei tribunali e del foro perugino. Prima puntata con l'associazione dei difensori d'ufficio

Il mondo della giustizia è alle prese con la riforma Cartabia e con le nuove norme previste dal ministro Nordio, ma anche con l'annosa questione della mancanza di risorse sia per quanto riguarda la magistratura sia per le cancellerie. Anche l'avvocatura è alle prese con queste riforme e la loro applicazione, con tante proteste, e con il fenomeno sempre più vasto dell'abbandono della professione da parte di tanti iscritti che tentano il concorso pubblico tra cancellieri, funzionari, ufficio del processo.

La prima puntata è dedicata alle difese d’ufficio, un diritto costituzionalemente garantito, ma che si trova alle prese con una realtà molto lontana dalle norme che le regolano.

Qual è la situazione nel Foro di Perugia e quali difficoltà si trova di fronte l’avvocato di turno?

"Il difensore d’ufficio, una figura mitica tra fiction e realtà. ADU Perugia 'Ida Pileri' nasce dall’esperienza maturata nelle aule di giustizia, quotidianamente con caparbietà, da 'self made lawyers', avvocati che si sono fatti da soli. Intento dell’associazione è restituire dignità alla figura del difensore d’ufficio, sotto ogni aspetto, anche quello economico, garantendo al contempo il diritto di difesa di ogni indagato, imputato e condannato che deve essere assistito dall’avvocato titolare del procedimento, con nomina conseguente ad un incarico fiduciario o dello Stato – come avviene ove si decida di non scegliere un proprio difensore di fiducia. L’uomo medio non conosce il difensore d’ufficio, che spesso confonde con l’avvocato 'gratuito' che gli è stata assegnato dalla Stato e che non deve pagare. Altre volte lo si confonde con un avvocato, di americana memoria, visto come una suppellettile del Tribunale e che, come tale, è pagato dallo Stato. L’avvocato d’ufficio non è niente di tutto ciò: è un difensore che lavora, anche per lo Stato, non percependo alcunché da parte dell’ente per la sua reperibilità, che dura per molte ore in un anno, che garantisce il corretto svolgimento dell’attività giudiziaria. È una parte necessaria e fondamentale nel procedimento, a servizio della magistratura e degli utenti, indagati. Imputati e condannati. Vi sono molte criticità che l’avvocato d’ufficio incontra nella sua strada: l’assenza continuativa dei difensori titolari è la principale patologia che affligge il difensore d’ufficio di turno, che lo costringe talvolta a permanere fino a tarda ora pomeridiana nelle aule di udienza cui è assegnato, rinunciando al proprio lavoro ordinario e a i suoi impegni. È vero è una scelta iscriversi nelle liste dei difensori di ufficio del Consiglio Nazionale Forense, ma non dimentichiamo che è un dovere per l’avvocato dare adempimento al suo incarico fiduciario o di cui è stato insignito dalla Stato, senza sottrarvisi".

Le vostre proposte?

"ADU Perugia 'Ida Pileri' vuole essere garante del diritto di difesa e dei diritti dei difensori d’ufficio. Grazie alle numerose segnalazioni che ci pervengono dai nostri associati, trend in costante crescita, ed all’esperienza 'sul campo' di ciascuno di noi che quotidianamente frequentiamo le aule di giustizia perugine, abbiamo individuato una serie di criticità da risolvere. E nel più breve tempo possibile affinchè sia restituita al difensore d’ufficio la dignità che gli spetta. Sul punto abbiamo una pagina Facebook ed un sito internet www.aduperugia.it in costante aggiornamento".

Qual è lo stato dell’arte in tema di liquidazione degli onorari in favore del difensore di ufficio?

"Nel nostro foro le problematiche legate alle liquidazioni dei compensi maturati del difensore d’ufficio non sono dissimili da quelle che caratterizzano anche altri fori. Il direttivo ADU Perugia 'Ida Pileri' è composto da avvocati che esercitano la propria attività anche al di fuori del foro perugino. Ciò che si riscontra nel nostro territorio sono tempi troppo lunghi per delle liquidazioni che spesso sono al di sotto dei minimi di legge, e procedure per il recupero del credito troppo macchinose che allungano in maniera considerevole le liquidazioni e che determinano in capo allo Stato un esborso maggiorato, talvolta duplicato o triplicato, rispetto a quello originario costringendo il difensore ad un contenzioso i cui costi sono a carico di quest’ultimo. Il direttivo ha approntato proprio in questi giorni uno strumento per procedere, ad esempio, al recupero degli onorari spettanti al difensore d’ufficio per l’attività espletata. Si tratta di un vademecum che chiunque volesse potrà scaricare dal nostro sito".

Quali effetti della riforma Cartabia sullo strumento della difesa d’ufficio?

"Il recente intervento ha inciso in maniera profonda sulla figura del difensore di ufficio. Basti pensare alla novella in tema di effettività della conoscenza della pendenza di un processo penale a carico di soggetto privo di difensore di fiducia (notificazioni ed elezione di domicilio per le notificazioni) nonché in punto di esercizio del diritto alla impugnazione delle sentenze di condanna (appelli e ricorsi per cassazione) che verrà, salvo interventi correttivi in corso d’opera, “falcidiato” dalla novella legislativa. Le linee di intervento, su cui da tempo stiamo lavorando incessantemente, sono tante. Presto sentirete parlare ancora di noi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viaggio nella giustizia - Il difensore d’ufficio, una figura mitica tra fiction e realtà

PerugiaToday è in caricamento