Cronaca

Spaccio e degrado ripartono alla grande in via Ripa di Meana: pusher in azione, furti e bivacchi

Se ne lamentano anche residenti e frequentatori di via del Cortone che non ne possono letteralmente più

Ripartito alla grande lo spaccio in via Ripa di Meana. Fanno di tutto: accendono fuochi, cucinano, deturpano e rubano strutture. Una zona in mano ai balordi. Se ne lamentano anche residenti e frequentatori di via del Cortone che non ne possono letteralmente più. Protestano gli utenti dell’arena del Borgo Bello, recuperata a musica, spettacolo, socialità. Ci rimettono la comunità di quartiere e il Circolo del Tempobono di Enzo Garghella. A proprie spese e con lavoro volontario, avevano realizzato uno splendido belvedere. Hanno spianato, pavimentato, realizzato delle comode sedute con tronchi montati su basi metalliche realizzate da un fabbro. 

Ne parlammo all’atto dell’inaugurazione: [Il più belvedere di Perugia prende vita al Borgo Bello grazie al lavoro dei volontari (perugiatoday.it)] e [Borgo Bello, inaugurato il belvedere (perugiatoday.it)]. Ora, con queste incursioni, i balordi si sono portati via uno di quei manufatti, costati impegno, fatica e denaro. “Non se ne può più!”, commenta la gente di via del Cortone e adiacenze. Lamentano: “Questi spacciano a gente del posto, ma anche a tanti ragazzi che scendono dal centro per rifornirsi”. Aggiungono: “Una farmacia di quartiere vende siringhe da insulina a go-go. E non è che si facciano in vena vitamine e ricostituenti”.

Santino Pelliccia, Enzo Garghella e soci del Tempobono al lavoro per la realizzazione del Belvedere-3Qualche giorno fa, questi tipi (si dice di origine nordafricana) hanno cominciato ad accendere il fuoco sulla scarpata. Prima ci si nascondevano ma, dopo la ripulitura dalla vegetazione, ne hanno fatto luogo di incontro e barbecue. In attesa della numerosa clientela. Bevono e gozzovigliano, rumoreggiano e rubacchiano. Sono state avvertite le autorità per un controllo della zona ma pare che, almeno fino ad ora, di risultati non s’intravveda nemmeno l’ombra. Una cosa è certa: la moneta cattiva finisce con lo scacciare quella buona. Sarebbe un peccato se questa zona, recuperata a socialità e buon vivere, dovesse ripiombare nel degrado e nell’abbandono. Sarebbe una delusione per le Associazioni, che sono molte, operanti in zona.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio e degrado ripartono alla grande in via Ripa di Meana: pusher in azione, furti e bivacchi

PerugiaToday è in caricamento