menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pievaiola, catturato bandito armato di pistola: sei colpi pronti ad esplodere

Un inseguimento difficile che ha visto i carabinieri di Perugia raggiungere un auto sospetta che non si era fermata allo stop. L'uomo aveva anche un passamontagne... si indaga se sia autore di rapine e furti in città

Girava armato: una pistola bulgara, modificata e illegale, e un passamontagne sempre pronto da indossare in eventuali raid come rapine e furti. Due aspetti quest'ultimi che sono al vaglio dei militari di Perugia dopo che hanno portato in carcere a Capanne un albanese di 30 anni che fino a ieri era incensurato. Per fermarlo c'è stato bisogno di un inseguimento lungo la Pievaiola. L'uomo - in compagnia di una ragazza e un uomo italiano - ormai braccato ha lanciato fuori dal finestrino l'arma con sei proiettili inseriti nel caricatore. 

La pistola è stata ritrovata nelle sterpaglie sul ciglio della strada: si tratta di una Ekol Special 99 di origine bulgara, un'arma clandestina con l'otturatore modificato a 7,65 millimetri. Sono in corso accertamenti per verificare se la pistola sequestrata sia già stata utilizzata in precedenti episodi criminali. Il sospetto è alto perchè come si diceva nell'auto è stato trovato anche passamontagne.

Identificate le altre due persone a bordo della Ford intercettata dopo l'inseguimento: una giovane albanese di 24 anni e un trentenne italiano (ha riferito di essere l'istruttore del cane dell'arrestato), nei confronti dei quali non sono stati presi provvedimenti. L'albanese dopo  l'arrestato è stato trasferito nel carcere di Capanne, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento