Danielle ammazzata dopo un volo dalle scale, 30 anni all'omicida. Si va in Cassazione: fissata la data

Quattro i punti chiave del ricorso per cui l’imputata, condannata in appello per l'omicidio della 73enne Danielle Chatelain,chiede l’annullamento della sentenza impugnata

Renata kette, la 56enne condannata in appello a trent’anni per l’omicidio di Danielle Claudine Chatelain, avvenuto il 27 maggio del 2016 in centro storico (Via Oberdan) chiede uno sconto di pena. E lo chiede dopo aver presentato – per tramite del suo legale, l’avvocato Donatella Panzarola – ricorso per Cassazione fissato al 13 dicembre prossimo.

Quattro i punti chiave del ricorso per cui l’imputata, reo confessa dell’omicidio della 73enne, madre della sua ex compagna, chiede l’annullamento della sentenza impugnata: dalla sussistenza dei futili motivi che la difesa censura - “in quanto adottata senza la piena valorizzazione del particolare contesto nel quale maturava il fatto, necessaria per qualificare la ragione soggettiva che sospingeva l’imputata a delinquere” - alla mancata concessione dell’attenuante della provocazione.

Omicidio via Oberdan: "La vittima ha implorato pietà, ma l'assassina le ha spaccato la testa sui gradini"

Se le prime due sentenze (l’appello ha confermato i trent’anni inflitti dal Gup in seno al rito abbreviato) avevano stabilito la circostanza aggravante dei futili motivi, per la difesa “l’aggressione, non poteva essere letta alla luce del solo epiteto (con la quale la vittima l’avrebbe apostrofata, ndr) e che certo non avrebbe sospinto l’uomo medio ad uccidere, ma che costituiva la causa contingente di una reazione rabbiosa da parte di una persona con un pregresso tragico, in merito al quale non veniva operata alcuna valutazione”.

Omicidio via Oberdan, 30 anni all'assassina. La difesa: "Considerava la vittima come una madre e si è sentita rifiutata"

Il movente risulta infatti riconducibile alla mancata accettazione da parte della Chatelain di continuare a convivere con la Kette dopo che la vittima, da lì a breve, si sarebbe trasferita a Ferro di Cavallo. L’imputata avrebbe spinto giù per le scale la 73enne, per poi sbatterla ripetutamente contro un gradino.

Una vita tormentata, quella di Kette, che si era trasferita a casa di Danielle dopo aver iniziato una relazione con la figlia di quest’ultima, tragicamente scomparsa mesi prima a causa di un male incurabile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

Torna su
PerugiaToday è in caricamento