menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Maestà delle Volte, coltello puntato alla gola: "Dammi subito il tuo Iphone"

Il fatto è avvenuto martedì scorso ed è stato regolarmente denunciato agli agenti del posto fisso di Polizia di Piazza Danti. La vittima è un giovane studente universitario che stava per raggiungere alcuni amici in Piazza IV Novembre

Coltello alla gola mentre percorre di sera via Maestà delle Volte. E' accaduto martedì ed è stato tutto regolarmente denunciato al Posto Fisso di Polizia di Piazza Danti. Uno studente universitario di fuori-regione è stato costretto a dare sotto la minaccia della lama - un coltellaccio da cucina - il proprio telefono: un iPhone 5. Il rapinatore ha agito in pochi secondi e dalle poche parole proferite sembrerebbe essere straniero. Una volta ottenuto il cellulare si è allontanato con gran passa verso alcuni vicoli collaterali di via Maestà delle Volte. Il giovane prima si è rivolto ad una pattuglia della Guardia di Finanza - i militari hanno provato ad inseguirlo ma il bandito aveva troppo vantaggio - e poi ha sporto regolare denuncia alla Polizia in Piazza Danti.

“Non ho esitato a consegnargli il telefono, non potevo certo rischiare la pelle” ha spiegato il giovane studente a Nicola Capizzi di Umbrialeft.it "Dopo che mi è stato rubato il cellulare ho impiegato qualche secondo per riprendermi - racconta il ragazzo -, sembrava tutto così surreale che stentavo a crederci. Poi ho pensato che in piazza c'è sempre una volante delle forze dell'ordine e mi sono rivolto a loro prima di fare la denuncia". Agli agenti ha fornito la descrizione del rapinatore. Si pensa ad uno spacciatore che opera in centro appartenente ad alcuni clan tunisini. Ma le ricerche sono ancora in corso e non ci sono certezze sulla vera identità del bandito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento