Via Fiume, scoperto pusher-clandestino: in poche ore cacciato dal Paese

In quattro e quattr'otto la Polizia ha organizzato il suo trasferimento al CIE, che ha avuto luogo a pochissime ore di distanza dall'iniziale controllo. Da li poi un biglietto di sola andata per Tunisi

Espulsione a tempo di record per uno spacciatore tunisino che aveva la sua base in centro storico. La decisione è stata presa non tanto per il quantitativo di droga trovato in un suo possesso - diverse dosi di hashisc nascoste in un pacchetto di fazzoletti - ma per via del fatto che è irregolare sul territorio italiano da diverso tempo. Una volta identificato in Questura, l'Ufficio Immigrazione ha ottenuto tutti i fogli per l'allontanamento immediato da Perugia e dall'Italia che è stato già eseguito.

Lo straniero era stato fermato dagli agenti della Polizia Centro Storico in via Fiume avendo dimostrato subito un gran nervosismo si è passati alla perquisizione e alla identificazione. Tutte operazioni che hanno permesso di accertare sia il mestiere di pusher che la sua clandestinità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • LA VIGNETTA di Giuseppe Pellegrini. Il Frecciarossa parte seconda: l'orario infernale!

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento