menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Campo di Marte, storie di povertà a Perugia: nell'ex videonoleggio il povero rifugio di un "senzatetto"

Non è un caso isolato come dimostrano i dati della Caritas: in Umbria quasi un cittadino su tre è a rischio povertà o esclusione sociale. E chi perde il lavoro perde anche la casa...

Via campo di Marte. Ore 8 del mattino. La piccola nicchia dell'ex distributore automatico di un videonoleggio, che ha chiuso da tempo, è diventata il poverissimo rifugio-ciaciglio di un senzatetto. Da alcuni giorni cerca di passare la fredda notte in questo piccolo spazio senza porte, senza riparo. Non ha coperte, ma indossa una serie infinita di maglioni e altri indumenti. Il volto è coperto una borsa che racchiude tutto il suo mondo, tutti i suoi pochi averi. In via Campo di Marte è arrivato da poco.

La storia di Yurek, il clochard di Assisi salvato dal vescovo e dalla Caritas 

Nessuno conosce la sua storia e lui cerca di evitare persone e sguardi indiscreti. Un invisibile che il resto della giornata la passa in stazione a Fontivegge. Ma la sera questa chiude e a questo uomo non resta che rifugiarsi in questa piccola nicchia dell'ex video-noleggio. Non è un caso isolato come dimostrano i dati della Caritas: in Umbria quasi un cittadino su tre è a rischio povertà o esclusione sociale. 

Meredith, è morto il testimone clochard: appello per finanziare il funerale“

E 2 lavoratori su 3 che perdono il lavoro nel giro di pochi mesi perdono anche la casa (in affitto) e non possono permettersi un alloggio fisso. Si dorme in strada anche perchè le strutture di accoglienza a Perugia sono praticamente tutte al completo. Il 65 per cento delle persone povere che chiedono aiuto sono straniere, il 35% restante invece è umbro. La povertà avanza sempre più spesso tra l'indifferenza di chi comanda o di chi tanto ha la pancia piena tutti i giorni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento