menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stessa casa, tre stanze, tre attività criminali: spaccio, furti e prostituzione

Entrati nell’appartamento gli agenti notavano che le tre stanze erano assegnate a diversi inquilini e in tutte tre c'era molto trambusto. E poi la scoperta: una sorta di coworking della micro-criminalità

Usando una terminologia di oggi: si potrebbe dire che un appartamento in via Campo di Marte era stato trasformato in un coworking del crimine. Eh già perchè nelle tre stanze affittate da un italiano a quattro persone è stato trovato di tutto e soprattutto ognuno si muoveva per conto suo nel mare magnum della micro-criminalità di casa nostra.

Iniziamo dalla prima stanza entrando dall'unico ingresso: qui c'era un tunisino che esercitava anche con successo l'arte dello spaccio. Con l'arrivo degli agenti della Mobile nell'appartamento ha gettato dalla finestra 10 grammi di eroina. Nel suo armadietto trovati mille euro e un bilancino di precisione. Per lo straniero sono subito scattate le manette per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti ; sarà processato per direttissima.

Seconda camera: qui un 19enne lituano aveva messo il suo ufficio per i furti con scasso. La Polizia ha trovato trovato numerosi arnesi utili per lo scasso e alcuni monili in oro e orologi. Si era specializzato nel rubare nelle case in particolare di anziani soli. L'accusa per il momento è di ricettazione. Il lituano era incensurato. dopo il sequestro della refurtiva sono state avviati gli accertamenti per verificare eventuali episodi delittuosi ascrivibili al giovane.

Terza stanza: qui gli agenti di Polizia hanno scoperto una piccola stanzetta adibita alla prostituzione con una 20enne all'opera. Il tutto gestito, a quanto sembra, dall'altro coinquilino un 22enne romeno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento