menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cellulari, scarpe, vestiti di marca, in realtà era tutto contraffatto: in sette a processo

Tutto venne a galla a seguito di una indagine della Guardia di Finanza: una sorta di associazione a piramide, di vendite e acquisti per un giro d'affari "cospicuo"

Un giro d’affari “losco” da Napoli, Vicenza, fino a Perugia, quello che ha portato al rinvio a giudizio di sette persone, accusate di associazione per delinquere, ricettazione e contraffazione di marchi. Gli imputati- difesi dagli avvocati Brusco, De Lio, Alifuoco, Romoli e Roccaforte, avevano-secondo l’accusa- messo in piedi un “disegno criminoso” e, in concorso tra loro, acquisivano e vendevano capi di abbigliamento, scarpe, telefoni, con marchi contraffatti e quindi di provenienza illecita. Apple, Nokia, Fred Perry, Mocler, ma anche Dolce& Gabbana, Cavalli, Diesel, erano in realtà tutti fasulli.

In particolare, due degli imputati, tra gli organizzatori del giro d’affari, si rifornivano tra loro o presso terze persone, di prodotti di grandi marchi contraffati, per poi rivenderli all’ingrosso. A loro volta, le altre persone coinvolte nel procedimento giudiziario, acquistavano la merce falsa. 

Oggi si è tornati in aula ma è stato rinviato tutto alla prossima udienza per dare incarico al perito di trascrivere le intercettazioni telefoniche. L’affare venne a galla a seguito di una indagine della Guardia di Finanza: una sorta di associazione a piramide, di vendite e acquisti per un giro d'affari "cospicuo".

In seguito alle perquisizioni, furono trovati agli imputati 518 capi di abbigliamento, altri 170 prodotti contraffatti di vestiti e scarpe e 1395 buste con un noto marchio. E ancora tre telefoni con marchio falso, e altri prodotti per vestire. Tutti rigorosamente fasulli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento