menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia, in arrivo i parchi del futuro: verde, giochi e divertimento a portata di App

Presentati questa mattina 58 progetti ideati principalmente dalle associazioni del territorio. Coinvolte 151 associazioni e 235 giovani: ecco cosa cambierà

In occasione della giornata mondiale della terra 2017, sono stati presentati questa mattina i 58 progetti, ideati principalmente dalle associazioni del territorio, nell’ambito dell’iniziativa dell’Amministrazione comunale denominata “Futuro nel Verde”. Complessivamente nei progetti sono state coinvolte 151 associazioni, con circa 235 giovani partecipanti. I parchi ed aree verdi affidati alle associazioni oggi sono pari a 104.

L’attività istituzionale del Comune – ha spiegato il vice sindaco Urbano Barelli – si arricchisce in questo contesto del contributo virtuoso di Università, imprese, associazioni e semplici cittadini. “La massiccia presenza delle associazioni all’incontro di oggi è la conferma ulteriore del successo del progetto. Di fronte a questo risultato il compito del Comune è di essere in grado di valorizzare questo ruolo delle associazioni: una prima sfida è già stata vinta, ma da domani occorre pensare al futuro per arricchire ulteriormente di contenuti questo rapporto tra pubblico e privato”. Oggi si è raggiunta la cifra record di 104 aree affidate ad associazioni, ma ancora di più si può fare, perché in tempi difficili per gli Enti locali, come sono quelli moderni, il protagonismo diffuso rappresenta un nuovo modello di gestione della Cosa pubblica.

Il progetto “Futuro nel Verde” nasce con la finalità di mettere a sistema il patrimonio verde della città, migliorare lo standard qualitativo e la fruibilità da parte dei cittadini. La green community è il cuore ed il punto di partenza del progetto ed è costituita dalle “Associazioni del verde” ( pro loco, società sportive, associazioni culturali) dalle imprese, dal mondo universitario, da enti pubblici ed economici che insieme potranno lavorare e costruire progetti per il miglioramento della fruibilità dei parchi della città.

La novità di questa iniziativa, in particolare, risiede nel fatto che ogni associazione ha presentato e realizzerà un progetto per la valorizzazione del parco o area verde individuando e sviluppando una specifica vocazione tematica riconducibile a tre tipologie di servizi: ambientali, socio-culturali ed economici.

Obiettivo primario della green community è quello di creare una comunità sensibile alla qualità del verde, alla sostenibilità ambientale e all’economia verde, al fine di accrescere la coesione sociale e contribuire all’innovazione sociale, economica, tecnologica dei territori, mettendo a sistema le diverse esperienze e professionalità del volontariato, delle imprese, dell’università, delle scuole e delle professioni che, in un rapporto di reciproco sviluppo e interesse, potranno apportare nuove idee, innovazioni, e sperimentazioni.

Ad illustrare il progetto “Parchi ed aree verdi intelligenti” sono stati il  Prof. Giuseppe Liotta, docente di Ingegneria informatica presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia, ed il dirigente del Comune Gabriele De Micheli, sistemi tecnologici, open data, energia. Il progetto, ideato dal gruppo di informativa del dipartimento di ingegneria, è pensato per valorizzare le aree verdi ed i parchi fornendo una modalità nuova di fruizione.

Si è inteso sviluppare strumenti informativi fruibili sia dagli utenti (mediante app) che dagli amministratori (mediante web application). In sostanza una forma di utilizzo più smart e social, con connettività internet diffusa all’interno delle aree. Il sistema ICT è suddiviso in quattro aree principali. La prima è la “smart training” con vocazione sportiva. Il sistema, in sostanza, fornirà una descrizione degli esercizi attuabili nella varie zone dell’area ed offrirà strumenti per registrare la performance.

La seconda funzionalità è detta “social training” e consente di organizzare attività sportive e ricreative di gruppo. Terzo sistema è denominato “study and work” e permetterà a studenti e lavoratori di accedere gratuitamente ad una connessione internet all’interno delle area; il prossimo passaggio è la progettazione di percorso pedonali interamente coperti da wi-fi per rimanere sempre connessi in una sorta di “aula-studio all’aria aperta”.

Infine l’ultima funzionalità è detta “analytics” e consentirà agli amministratori di monitorare le statistiche di utilizzo (numero delle persone presenti nell’area, preferenze, livello di interazione social, ecc.) conformemente ai livelli di privacy stabiliti dagli utenti. Ciò permetterà di ottimizzare la gestione dell’area verde secondo le esigenze dei cittadini. Come detto il sistema funzionerà tramite app da scaricare sugli smartphone che, oltre alle funzionalità sopra indicate, sarà in grado di localizzare le aree verdi più vicine all’utente, fornendo una descrizione dei servizi da esse offerti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento