Cronaca

Leoncini di Venezia imbrattati con la vernice, un perugino tra i vandali: "Avevamo bevuto"

I quattro, tre dei quali studiano all'Accademia di Belle Arti, sono stati denunciati per danneggiamento e imbrattamento o deturpamento aggravato di cose altrui

Foto VeneziaToday

Un perugino tra i vandali che hanno colpito uno dei simboli di Venezia. E la giustificazione è: "Avevamo bevuto. E' stata una bravata". Da subito, quando hanno compreso di essere stati individuati, i quattro studenti universitari che nella notte tra venerdì e sabato hanno imbrattato di vernice rossa i leoncini in piazza San Marco hanno cercato di giustificarsi. Si sono resi conto di averla combinata grossa e hanno confessato tutto, ammettendo di aver agito al termine di una serata trascorsa tra le calli. I quattro, tre dei quali studiano all'Accademia di Belle Arti, sono stati denunciati per danneggiamento e imbrattamento o deturpamento aggravato di cose altrui. 

A "incastrarli", oltre alle telecamere di sorveglianza, era stata una ragazza che fa parte del gruppo. La giovane domenica pomeriggio si era presentata in caserma e aveva raccontato ai carabinieri di aver assistito all'atto vandalico, che era opera di alcuni conoscenti con i quali aveva trascorso la serata. Gli investigatori, incrociando i dati raccolti, sono riusciti a rintracciare gli altri tre studenti, tutti fuorisede (sono originari di Brescia, Perugia e Trento), e li hanno convocati. Al termine degli accertamenti li hanno denunciati. 

Due giovani erano stati rintracciati a Venezia e un'altra ragazza era già rientrata a Trento. Le indagini non si fermeranno qui. I carabinieri stanno continuando ad analizzare le immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza della zona per accertare le responsabilità di ogni singolo studente coinvolto nell'atto vandalico. 

Tutti gli aggiornamenti su VeneziaToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leoncini di Venezia imbrattati con la vernice, un perugino tra i vandali: "Avevamo bevuto"

PerugiaToday è in caricamento