INVIATO CITTADINO Vandali e ladri all'assalto dei contatori, sportelloni di rame rubati

In Piazza Piccinino, in fondo a via Cesarei, rubano sportelloni di rame e distruggono per il gusto di farlo

Rubano, rompono, distruggono. Questi i comportamenti di perdigiorno e ladruncoli che – specie nel fine settimana – lasciano tracce di stupida violenza sulle cose.

È accaduto nella nottata di sabato (complice qualche abuso etilico?). Sullo sperone fittile che rinforza uno dei palazzi soprastanti, in fondo alle scalette di via Cesarei, sono ricavate due ampie nicchie, utilizzate quale alloggiamento dei contatori. Quella a destra di chi guarda contiene i contatori dell’acqua.

“In verità, in questo caso – ci dice il nostro “segnalatore” del degrado urbano Gianluca Papalini – avevano già asportato lo sportello in rame. I titolari dei contatori, per evitare che il gelo bloccasse l’erogazione dell’acqua, avevano protetto quella cavità con un prodotto isolante. Ma i vandali hanno fatto a pezzi quella protezione” (vedi foto).

Invece la nicchia di sinistra, più grande, include i contatori del gas. La chiusura era costituita da un grosso sportello in rame. Che, appunto, è stato scardinato e asportato. Resta murato il telaio sul quale lo sportello si incardinava. In questo caso, i malviventi hanno unito, come si dice, l’utile e il dilettevole. Il “diletto” di scassare si è coniugato col vantaggio del ricavo dalla vendita del rame, ormai considerato prezioso. Così vanno le cose: un imbarbarimento inaccettabile. Perugia mia, non ti riconosco più.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • La Liguria ritorna in zona gialla mentre l'Umbria resta arancione: eppure i dati parlano chiaro, situazione migliore da noi...

Torna su
PerugiaToday è in caricamento