Cronaca

Da tutto il Centro Italia a Casacastalda per la benedizione dei caschi: 300 motociclisti si ritrovano dopo il Covid, il ricordo alla vittime

Dopo il covid il popolo delle due ruote si ritrova nella frazione di Valfabbrica dove è stato eretto un monumento al centauro

I centauri sono tornati a riunirsi e hanno in presenza partecipato alla tradizionale benedizione dei caschi iniziata ben 17 anni fa. Il luogo di ritrovo è stata quella Casacastalda che è sede del monumento del Dolmen, il monolite simbolo del motociclista. Una grande festa alla presenza di oltre 300 amanti delle due ruote. Quest’anno gli organizzatori, a cui hanno collaborato piu di 16 motoclub dell’Umbria e l’Associazione MotoTurismoUmbria, hanno voluto che l’evento tornasse in presenza, seguendo tutte le normative Covid,  per dare un importante segno di speranza e condividere insieme un momento di ripartenza anche del Mototurismo nella nostra Regione. 

Al Monumento del Dolmen era presente il Sindaco di Valfabbrica,  Enrico Bacoccoli che insieme ad Oriano Anastasi, Presidente del Motoclub dei Vigili del Fuoco ed Eros Celaia, Presidente del Motoinocontro Fabio Celaia, hanno salutato i bikers arrivati da tutto il centro italia.  I motociclisti dopo un lungo giro sono arrivati al Santuario della Madonna della Ghea dove Don Raniero, parrocco di Purello, ha benedetto i motociclisti e ricordato coloro che non ci sono piu.  E’ seguito il classico minuto di rumore in onore di tutti i motociclisti scomparsi. 

DJI_0095-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da tutto il Centro Italia a Casacastalda per la benedizione dei caschi: 300 motociclisti si ritrovano dopo il Covid, il ricordo alla vittime

PerugiaToday è in caricamento