menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Report Vaccini anti-Covid, l'Umbria quarta regione per somministrazione: utilizzato l'80% delle dosi

Tutti i dati regionali aggiornati al 10 gennaio 2021. Da domani in arrivo nuove scorte da Pratica di Mare

Il piano vaccinazione dell'Umbria procede spedito in quella che è stata definita la prima fase (operatori sanitari e ospiti delle Rsa) che andrà avanti fino alla metà di febbraio per poi destinare le dosi ad altre categorie da tutelare in fase di emergenza sanitaria. I dati a disposizione del Commissario Domenico Arcuri sono chiari: ci sono 4 regioni che hanno superato o hanno sfiorato l'80 per cento delle dosi somministrate: la Campania con l'89,5 per cento, il Veneto è all' 81,8%, la Toscana al 79,9% e al quarto posto nazionale la nostra l'Umbria con il 79,6%. Le persone vaccinate sono state ad oggi 7832, le scorte a disposizione in totale sono 9.835. In pratica nelle prossime 48 ore sarà stata effettuata la copertura dell'1 per cento della popolazione.

A partire da lunedì, stando agli accordi con Pfizer, dovrebbe arrivare in Italia la terza tranche del vaccino: altre 470mila dosi in una settimana che verranno consegnate nei 294 punti di somministrazione indicati dalle regioni direttamente dalla casa farmaceutica americana. In Umbria si parla di 5-6mila dosi che saranno inviati ai nosocomi di Perugia, Terni, Foligno e Città di Castello. Gli operatori sanitari e gli ospiti Rsa da vaccinare - in molti casi si sta raccogliendo ancora il consenso - si aggirano intorno ai 10mila. Una decine, secondo la task-force regionale, quelli che hanno ribadito di non voler il vaccino anti-covid. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento