menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccini, i sindacati tracciano un bilancio della campagna umbra tra alti (pochi) e bassi (di più)

"Accogliamo con favore l’iniziativa della Regione Umbria, in collaborazione con l’esercito e la Protezione civile, per provvedere alla vaccinazione della popolazione ultra-ottantenne"

I sindacati dei pensionati - Cgil, Cisl e Uil - hanno tracciato un bilancio della campagna di vaccinazione in corso in Umbria, soprattutto dopo la velocizzazione dell'ultimo periodo e del lancio di nuove iniziative da parte dell'assessore Coletto (vaccino day e team per vaccinare gli anziani che vivono in zone più isolate). La campagna, secondo i sindacati dei pensionati, vive di alti e bassi.  Gli alti: "accogliamo con favore l’iniziativa della Regione Umbria, in collaborazione con l’esercito e la Protezione civile, per provvedere alla vaccinazione della popolazione ultra-ottantenne non ancora vaccinata o prenotata. E siamo pronti a fare la nostra parte, come ci viene richiesto, per informare e sensibilizzare, attraverso le nostre strutture sul territorio, le pensionate e i pensionati umbri”.  

I bassi sono di più e sono i seguenti: "Non possiamo non evidenziare il ritardo con il quale sta procedendo alla vaccinazione degli estremamente fragili (molti prenotati a giugno) e dei loro caregivers che fino a ieri non potevano nemmeno prenotarsi. Inoltre - aggiungono Spi, Fnp e Uilp - mentre si procede con le riaperture, è molto in ritardo la vaccinazione della fascia 70-79 e non è nemmeno iniziata quella dei 60-69”.  

Infine, i sindacati hanno chiesto alla Giunta regionale come si intenda reperire il personale necessario al funzionamento dei nuovi centri vaccinali e all'allargamento dell'orario di quelli già funzionanti, “poiché ci risulta una scarsità di personale che certamente non può essere superata con l'impiego di personale proveniente dalla rete ospedaliera e territoriale già ampiamente in difficoltà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento