Cronaca

Vaccini anti-Covid, in Umbria somministrato il 72,5% delle dosi: la mappa delle Regioni

I dati del Ministero della Salute: 293.501 gli italiani immunizzati (con la somministrazione della prima dose e poi del richiamo)

Secondo i dati del Ministero della Salute (aggiornati alle ore 22.02 di ieri, 27 gennaio) sono 1.602.332 le dosi di vaccini anti-Covid inoculate in Italia, dunque il 75,3% dei 2.127.255 di dosi consegnate (2.080.455 da Pfizer e 46.800 da Moderna, le uniche due aziende produttrici fin qui autorizzate) e distribuite nei 293 punti di somministrazione presenti sul territorio nazionale (tra questi gli ospedali di Perugia, Terni, Foligno e Città di Castello). Salgono a 293.501 invece le persone che in Italia risultano completamente vaccinate (con la somministrazione della prima e della seconda dose di vaccino). 

Vaccini anti-Covid: le differenze tra quello di Moderna e quello di Pfizer

Leggermente al di sotto della media nazionale c'è l'Umbria (72,5%), mentre a guidare al momento la 'classifica' sono la Provincia autonoma di Trento (92,6%), Veneto (89,1%) e Piemonte (86,1%). Restando all'Umbria, sono 18.044 (sulle 24.875 ricevute) le dosi somministrate finora (11.735 a donne, 6.309 a uomini): la fascia 50-59 anni è stata la più coperta finora con 4.484 dosi inoculate, seguita da quella 40-49 anni (3.528 dosi), 60-69 anni (3.405 dosi), 30-39 anni (3.058 dosi), 80-89 anni (1.157 dosi), 20-29 anni (937 dosi), 90+ anni (924 dosi), e 70-79 anni (551 dosi).

VIDEO Vaccini anti-Covid, la prima immunizzata umbra: "Tappa obbligata"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini anti-Covid, in Umbria somministrato il 72,5% delle dosi: la mappa delle Regioni

PerugiaToday è in caricamento