menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, la Regione mette nella lista priorità vaccino le imprese funebri: ecco perchè

All'associazione spetterà di raccoglierà le adesioni alla campagna vaccinale

La Regione dell'Umbria ha inserito gli operatori delle imprese funebri tra i lavoratori dei servizi essenziali che saranno vaccinati in via prioritaria dopo la richiesta ufficiale di Paolo Prosperi, presidente dell’Associazione Imprese Funebri A.I.F. Umbria Confcommercio. All'associazione spetterà di raccoglierà le adesioni alla campagna vaccinale e provvederà al caricamento dell’elenco degli operatori eleggibili per la vaccinazione che sarà trasmesso alla Regione. La vaccinazione di questa categoria di lavoratori avverrà mediante somministrazione di vaccino Astrazeneca (se e quando verrà sbloccato dalle autorità europee dopo il blocco a scopo precauzionale). 

“Siamo grati alla Regione per aver accolto la nostra richiesta e forniremo la massima collaborazione possibile per contribuire al successo della campagna vaccinale in Umbria”, commenta il presidente di A.I.F. Umbria Confcommercio Paolo Prosperi. “La nostra richiesta di somministrazione in via prioritaria ha del resto radici molto solida. Le imprese funebri, attraverso gli operatori che intervengono quotidianamente in situazioni a rischio, sono da considerarsi tra le categorie più esposte al contagio da Covid-19. Il ruolo operativo di prima linea, seppure in ambito privato, è caratteristica indubbia delle imprese funebri, ed espone gli operatori delle imprese funebri a persone e luoghi ad altissimo rischio di contagio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento