rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Cronaca

Riattivato il registro dei tumori in Umbria, Coletto: "Mortalità e casi in diminuzione". Ecco i "mali" che colpiscono più uomini e donne

Il registro torna pienamente operativo dal punto di vista della struttura informatica e del personale e l'aggiornamento dei dati affidata dalla società pubblica Punto Zero

“Il registro tumori della Regione Umbria, grazie alla collaborazione con l’Università, il Servizio epidemiologico regionale e Punto Zero, è stato  riallineato nei dati, in modo da avere una mappatura aggiornata dell’andamento di questa patologia”: l'annuncio porta la firma dell’assessore alla Salute della Regione Umbria, Luca Coletto, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte anche il professor Fabrizio Stracci dell’Università di Perugia che segue la parte scientifica del lavoro, e Giancarlo Bizzarri, amministratore di Punto Zero. Il registro  torna pienamente operativo dal punto di vista della struttura informatica e del personale e l'aggiornamento dei dati affidata dalla società pubblica Punto Zero.  

I nuovi dati confermano i trend osservati negli anni precedenti, i casi totali sono stati meno di 6000 a fronte dei 6050 registrati in media ogni anno nel quinquennio 2012-2016; questo dato è importante perché il numero assoluto dei casi è in aumento in Italia a causa soprattutto dell'invecchiamento della popolazione e deriva da un anda-mento favorevole nel sesso maschile. 

LE SLIDE, I DATI E LE TABELLE - clicca qui per scaricarle -------> conferenza agg

“Nei maschi – ha spiegato il professor Stracci -  la fre-quenza dei principali tumori maligni - polmone, colon-retto, stomaco e persino prostata -  è in riduzione. Nel sesso femminile si osserva un trend in aumento legato a tumori come il cancro della mammella  - passato da 500 ca-si per anno quando iniziò l'attività del registro nel 1994 ai quasi 900 casi per anno del 2017-2018 - e al cancro del polmone”.  Grande importanza ha avuto lo screening per la prevenzione del cancro del colon-retto che ha determinato una riduzio-ne dei carcinomi infiltranti soprattutto nei maschi e una altrettanto importante riduzione della mortalità. A proposito di quest'ultimo dato, è importante sottolineare che la mortalità per tumori è in diminuzione in entrambi i sessi come risultato degli interventi di prevenzione e del miglioramento delle terapie. 

Obiettivo del registro tumori per l'anno in corso è rendere più tempestiva la produzione dei dati - anche se va detto che il registro regionale non è tra i meno tempesti-vi nel panorama nazionale: “Non siamo i primi – ha detto l’assessore Coletto – ma neanche gli ultimi e contiamo, anche con la collaborazione dei medici, di aggiornare sempre di più i dati. Per quanto riguarda il tumore gastrico con un’incidenza di una certa entità in alcune zone dell’Umbria,  stiamo valutando di attivare un programma di screening per avere una mappatura aggiornata”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riattivato il registro dei tumori in Umbria, Coletto: "Mortalità e casi in diminuzione". Ecco i "mali" che colpiscono più uomini e donne

PerugiaToday è in caricamento