menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli sciacalli del web, truffano e spillano soldi ai terremotati: casette e roulotte fantasma

Due uomini e una donna stanati e denunciati dai carabinieri: ecco come hanno raggirato le vittime

Gli sciacalli del terremoto. I carabinieri di Cascia hanno denunciato due uomini e una donna. I tre, approfittando del terremoto e della tragedia degli umbri, hanno truffato le vittime con la vendita fantasma di una roulotte e una casetta in legno.


Spiegano i carabinieri: “A Cascia un ignaro acquirente rispondeva a un annuncio su un famoso sito on-line per l’acquisto di una roulotte. Dopo aver concordato con l’inserzionista, una donna, il prezzo del mezzo comprensivo delle spese per il trasporto fino alla propria residenza (1200euro), l’acquirente effettuava un bonifico bancario al venditore per l’importo di 500 euro”. Dopo qualche giorno, visto che la roulotte non arrivava, l'uomo ha cercato di contattare – senza riuscire - la donna. Così è andato a denunciare tutto ai carabinieri. L’indagine, che si è sviluppata in brevissimi tempi, ha portato i militari all’identificazione e alla denuncia di un soggetto, pregiudicato, 44enne della provincia di Rovigo, autore, già in passato, di analoghi episodi, intestatario del conto corrente bancario dove giungevano i soldi. Identificata anche la donna, una 32enne della provincia di Agrigento, incaricata di definire le vendite con gli ignari acquirenti. I due truffatori lavoravano in collaborazione, addirittura dalla Spagna, da dove prelevavano il denaro e gestivano i proventi delle truffe.

E non è finita qui. La seconda indagine ha preso il via in seguito ad una truffa ai danni di un 44enne, vittima del terremoto. L’uomo, dopo aver perso l'agibilità della propria abitazione, ha cercato una soluzione. E su un sito di inserzioni ha trovato una casetta in legno, 9 metri per tre, con due camere e sei posti letto. Così ha risposto all'annuncio e ha concordato il prezzo di 4200 euro, con l’obbligo di versare in anticipo 2.000euro. Anche lui è caduto nella trappola: truffato.

Le indagini dei carabinieri hanno portato all’identificazione e alla denuncia di un cinquantenne, di origine sarda, pregiudicato, residente in provincia di Venezia, che nello stesso periodo aveva venduto la stessa casetta anche ad una donna residente a Norcia.
I carabinieri hanno accertato che l'uomo aveva messo a segno stessa truffa anche in quel comune, ottenendo, anche in questo caso, dalla vittima la cifra di 2000 euro. Ricevuta la denuncia anche da parte della donna, i militari hanno denunciato l’uomo anche per quest’altro reato.  


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento