Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Umbria, stanati altri furbetti del reddito di cittadinanza: dovranno restituire 65mila euro

Quattro denunciati e sette segnalati: scoperti dai carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro

Quattro persone nei guai per aver dichiarato il falso nella richiesta del reddito di cittadinanza: sono stati denunciati e dovranno restituire 65mila euro, indebitamente percepiti. Operazione dei carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro per le verifiche relative al sussidio statale.

Attraverso il controllo incrociato e la stretta collaborazione con Inps di Terni i militari hanno scoperto tre cittadini romeni che avevano attestato falsamente di essere residenti a Montecastrilli da almeno 10 anni ed un italiano per aver omesso di dichiarare di essere sottoposto ad una misura cautelare personale.

Nei loro confronti immediata è stata la denuncia penale, la revoca del beneficio con efficacia retroattiva e la richiesta di restituzione di una somma totale pari a 65mila euro, indebitamente percepiti. Per altri sette è scattata la segnalazione per la sospensione del reddito di cittadinanza in quanto destinatari di misure cautelari o condanne.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, stanati altri furbetti del reddito di cittadinanza: dovranno restituire 65mila euro

PerugiaToday è in caricamento