menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pendolari, turisti e dipendenti Fs rischiano tutti i giorni: "Stazioni terra di nessuno"

Una situazione difficile che la Cgil trasporti ha di nuovo denunciato in attesa di risposte concrete sulla sicurezza da parte sia delle Fs che delle istituzioni

Stazioni ferroviare sotto attacco, ormai trasformate in terra di nessuno, dove dipendenti delle Ferrovie dello Stato si trovano a fronteggiare situazioni limite: aggressioni, furti e bullismo. E dove rischiano la propria incolumità pendolari, studenti e turisti. Una situazione difficile che la Cgil trasporti ha di nuovo denunciato in attesa di risposte concrete sulla sicurezza da parte sia delle Fs che delle istituzioni. 

"Ancora una volta, anzi per l’ennesima volta, ci vediamo costretti a tornare con forza sul tema della sicurezza in ambito ferroviario. Nella notte tra giovedì e venerdì, la vetrata dello sportello numero 2 della biglietteria di Perugia, è stata sfondata (presumibilmente con un estintore) da ignoti, alla ricerca di qualcosa da sottrarre . Un tentativo di furto consumatosi nelle ore notturne, mentre la stazione era di fatto impresidiata".

"Tale grave episodio rilancia il tema della sicurezza: più volte abbiamo denunciato come anche nella nostra regione esista in questi termini una vera emergenza, dalla tremenda aggressione a un Capo Stazione avvenuta tempo fa, alle più recenti aggressioni ai capitreno. E’ chiaro che la sicurezza a bordo dei treni passa anche dalla sicurezza nelle stazioni. Non è pensabile che il personale FS venga lasciato da solo ad affrontare situazioni di ogni tipo, il graduale impresenziamento delle stazioni da parte di FS e la riduzione sempre più consistente delle risorse della Polfer, stanno di fatto trasformando le stazioni Umbre, da luoghi pubblici in pericolose 'Terre di Nessuno'”.

L'organizzazione sindacale non è più disposta a tollerare la logica "per cui la legalità non possa essere garantita per mancanza di risorse" dato che giornalmente, operatori di biglietteria, capistazione, capitreno e addetti delle pulizie si trovano a contrastare fenomeni di questo tipo, esponendosi ai rischi del caso. 

"Coscienti delle difficili condizioni sociali - hanno concluso nella nota i sindacalisti - che vive il nostro paese, chiediamo alla politica regionale e alle istituzioni di intervenire con forza maggiore, perché vogliamo che le stazioni tornino ad essere luoghi pubblici, in cui l’incolumità di lavoratori e passeggeri venga garantita in qualsiasi ora del giorno e della notte, facendo sì che fenomeni come ad esempio quello dei senzatetto che popolano le nostre stazioni, siano arginati con le giuste politiche sociali. Questo ennesimo episodio purtroppo dimostra come quanto fatto fino ad oggi sia del tutto insufficiente e quanto siano necessari gli interventi da noi rivendicati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento