Con un super-telecomando faceva impazzire le slot e i cambia-moneta: le monete scendevano a pioggia

Per l'accusa ne avrebbe commessi molti di questi colpo, la difesa invece minimizza. Arrestato dopo i sospetti di un barista

Svuotava le macchinette cambia soldi grazie ad un congegno elettronico comperato su internet e che faceva impazzire il chip elettronico. Secondo la procura di Perugia avrebbe colpito in diverse decine di bar con le slot macchine e gli apparecchi cambia soldi. A riprova le riprese delle telecamere di sorveglianza. Secondo la difesa, sostenuta dagli avvocati Brizioli e Bacecci, all'uomo sarebbe imputabile solo un episodio ad Assisi e, forse, uno a Deruta.

Ad Assisi, inoltre, l'uomo sarebbe entrato nel bar e svuotato la macchinetta cambia soldi con il figlio minorenne al seguito. Cosa che ha poi comportato un periodo di sorveglianza da parte dei servizi sociali nei confronti del minore e della famiglia, con un docente che lo seguiva a casa. Per l'accusa l'uomo entrava nel bar, metteva una banconota nella macchinetta cambia soldi, azionava l'apparecchio elettronico tenuto in tasca e prelevava una quantità maggiore di monete rispetto a quanto inserito. Quel giorno il barista aveva sospettato qualcosa e chiamato i carabinieri. E per l'uomo era scattato l'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento