menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La salute degli umbri, super campagna anti-influenza: vaccini da ottobre, aumentate le scorte

"Con l’epidemia covid in corso è ancora più importante vaccinarsi”

Le Aziende Sanitarie umbre hanno acquistato il 50% in più di vaccini rispetto allo scorso anno e saranno messi a disposizione già da ottobre, con l’obiettivo di sottoporre a vaccinazione almeno il 75% della popolazione a rischio. Il piano dell'assessore regionale alla sanità, Luca Coletto, sta prendendo forma dopo l’approvazione da parte della Giunta regionale dell’Accordo tra Regione, ASL e organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale. Il potenziamento della campagna per il vaccino anti-influenzale si è resa necessaria per arginare "le infezioni respiratorie nella popolazione e rendere più facile la diagnosi differenziale, ovvero capire se la sintomatologia sia riconducibile all’influenza o al Covid".

“Il vaccino è il mezzo più efficace e sicuro per prevenire l'influenza e ridurre eventuali complicazioni – ha aggiunto Coletto - ed è importante ripeterlo ogni anno perché i virus dell’influenza cambiano spesso. Tutte le categorie a rischio potranno vaccinarsi gratuitamente rivolgendosi al proprio medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta. Coloro che desiderano vaccinarsi e non rientrano nelle categorie per cui la circolare ministeriale non prevede la vaccinazione gratuita, possono comunque acquistare il vaccino in farmacia recandosi poi dal proprio medico per la somministrazione”.

La vaccinazione antinfluenzale è raccomandata ai soggetti di età superiore ai 65 anni, i quali risultano essere quelli maggiormente colpiti da forme respiratorie polmonari con sintomatologia severa. Un’altra categoria a rischio è costituita da tutti quei soggetti che indipendentemente dall’età, possono sviluppare forme gravi o mortali di malattia a causa di preesistenti patologie o condizioni predisponenti. La vaccinazione è fortemente indicata anche alle donne in gravidanza e puerperio, agli individui ricoverati in strutture per lungodegenti, al personale sanitario e medico, ai donatori di sangue, ai vigili del fuoco alle forze di polizie e a tutte le altre categorie di lavoratori dei servizi essenziali. Per coloro che hanno più di 65 anni e per i soggetti con patologie o condizioni predisponenti, in quanto soggetti più fragili nei confronti del virus SARS CoV 2, è fortemente raccomandata anche la vaccinazione anti-pneumococcica.

“Accogliamo con piacere la decisione della Regione di anticipare la vaccinazione antinfluenzale – ha affermato Leandro Pesca, membro della task force regionale coronavirus, in rappresentanza dei medici del territorio -. I medici di medicina generale garantiranno la massima collaborazione per rendere efficace la campagna di vaccinazione, pur in un momento difficile legato anche alle misure anti Covid. Ricordo che anche grazie alla nostra azione, l’Umbria è la regione con la percentuale più alta di vaccinati tra gli ultrasessantacinquenni, il 65% rispetto al 53% della media nazionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento