Future mamme, l'appello del direttore di Ostetricia dell'ospedale di Perugia

E’ un appello forte quello che  il direttore della struttura complessa di Ostetricia e Ginecologia Giorgio Epicoco lancia  nella giornata dedicata alla donna, a proposito di nascite,  nell’incontro  tra  medici, ostetriche e personale  infermieristico  con il mondo femminile  che si è svolto nella mattinata  di venerdì 22 aprile nell’atrio principale del Santa Maria della Misericordia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ necessaria una inversione di marcia – dice Epicoco-, una presa di coscienza delle future mamme  ancora  poco convinte delle proprie  potenzialità  nell’affrontare  il parto. Le opzioni che la struttura dell’ospedale di Perugia è in grado di offrire  - parto in acqua, parto naturale demedicalizzato e  parto indolore -  sono garanzia della migliore assistenza . Alzare il livello di fiducia, cioè credere   nella professionalità e nelle competenze  del personale sanitario per ricostituire quella unione solidale che è garanzia del sistema sanitario nazionale e favorisce il non ricorso ad una eccessiva medicalizzazione”. Tra le donne che hanno voluto esprimere piena soddisfazione nell’assistenza ricevuta al momento del parto, una giovane donna,  Debora,  che ha dato alla luce la primogenita Adele appena cinque giorni fa. “Un’esperienza indimenticabile, con ostetriche capaci di trasmettere empatia, questa mattina  con mio marito  Luca  siamo tornati  in ospedale per complimentarci con loro”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento