Fase 2, anche l'Ospedale di Assisi ritorna a pieno regime: attivi servizi e sale operatorie

Il nosocomio a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19 si era messo a disposizione degli altri nosocomi ospitando pazienti non positivi al coronavirus e “prestando” personale sanitario ad altri presidi

L’ospedale di Assisi ha ripreso l’attività normale dopo la fase di emergenza sanitaria dovuta al coronavirus. La prima sala operatoria è già in funzione, e nel giro di poco tempo anche nella seconda si potrà riprendere a operare. Anche gli altri servizi che erano stati sospesi per accogliere i pazienti inviati dagli altri nosocomi oberati dai ricoveri per il Covid-19 sono stati riattivati. Insomma l’ospedale di Assisi è tornato alla normalità, al lavoro di routine, ovviamente sempre adottando e rispettando tutte le misure di sicurezza. L’assessore alla sanità Massimo Paggi ha voluto ringraziare per la riattivazione dei servizi i medici, gli infermieri e tutto il personale sanitario per come si sono prodigati sia durante l’emergenza coronavirus che ora per il ritorno alla normalità.

“Senza risparmio di tempo e impegno - ha affermato - gli operatori hanno lavorato per tutelare la salute dell’intera comunità rispondendo alla situazione di emergenza con grande senso di responsabilità e abnegazione. Ora l’ospedale sempre in sicurezza sia per i pazienti che per gli operatori ha ripreso l’attività normale e come amministrazione continueremo a seguire con attenzione tutte le questioni relative al futuro del nostro nosocomio”.

A proposito del futuro, un mese fa l’assessore aveva scritto alla Regione per chiedere di mantenere gli impegni assunti e non impoverire l’offerta sanitaria sul territorio. Infatti l’ospedale di Assisi a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19 si era messo a disposizione degli altri nosocomi ospitando pazienti non positivi al coronavirus e “prestando” personale sanitario ad altri presidi, rinunciando per il frangente, proprio per la situazione eccezionale, alla riorganizzazione concertata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ma la riorganizzazione - ha ribadito l’assessore - deve essere ripresa e attuata per garantire quel servizio di qualità alla popolazione locale e non solo; infatti l’ospedale serve 60.000 cittadini del comprensorio e non va dimenticato inoltre che Assisi è la città simbolo del turismo perchè accoglie milioni di turisti all’anno ( e speriamo che tornino presto), quindi il territorio necessita di una struttura sanitaria all’altezza”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento