Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

La scoperta è stata fatta ad Orvieto. L'uomo ora è ricoverato a Perugia. A rischio il collega che era con lui ignaro di tutto

E' una storia incredibile. Una di quelle, pensando a come siamo ridotti e a chi sta lottando per sopravvivere, fa rabbia, tanta rabbia. E purtroppo dimostra come certe persone non hanno ancora capito che la diffusione del coronavirus uccide due volte: le persone più fragili (e non solo) e l'economia che è costretta a fermarsi. In Umbria è stato scoperto un camionista che stava girando mezzo centro Italia alla guida del suo tir (per fare consegne) che in teoria doveva essere in quarantena visto che era in attesa dei risultati di un tampone per la verifica del contagio da coronavirus. Come se non bastasse l'uomo aveva anche tutti i sintomi dell'infezione (che poi verrà accertata a Perugia). Ma nonostante questo aveva deciso di mettersi al lavoro. 

Ha nascosto al titolare della ditta le proprie condizioni ed ha ripreso a viaggiare per fare le consegne sul territorio nazionale, non dicendo nulla nemmeno al collega che si è messo in viaggio accanto a lui. Giunto nei pressi di Orvieto, il camionista si è sentito male ed è stato portato all’ospedale di Perugia; dagli accertamenti effettuati dal Commissariato di Orvieto, è emerso che il tampone fatto nei confronti del sessantenne era positivo e quindi sono state allertate le autorità sanitarie.

Gli agenti hanno anche svolto ulteriori accertamenti per verificare che tipo di incontri avesse avuto il camionista negli ultimi giorni, al fine di mettere in guardia tutti coloro che potevano essere entrati in contatto con lui durante le consegne effettuate nel Lazio. Anche il collega che aveva fatto il viaggio accanto al sessantenne ha cominciato ad accusare gli stessi sintomi ed anche in questo caso è stata fatta intervenire una ambulanza.Il camionista sessantenne - residente a Padova - è stato denunciato per non aver osservato un ordine legalmente dato per impedire la diffusione di una malattia infettiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

PerugiaToday è in caricamento