rotate-mobile
Cronaca

Umbria, costringe moglie e figlia a lavorare in casa senza contatti con l’esterno

Divieto di avvicinamento e braccialetto elettronico per un 43enne

Maltratta moglie e figlia per mesi e le costringe a stare in casa. Per questo è stata data esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, oltre al divieto di avvicinamento alle presone offese, nei confronti di un 43enne per il reato di maltrattamenti in famiglia. 

L’attività d’indagine dei carabinieri di Orvieto ha consentito di acquisire grandi indizi di colpevolezza nei confronti dell’indagato per i comportamenti tenuti nei confronti di moglie e figlia da giugno al dicembre scorso. Comportamenti che hanno causato un forte disagio psicologico a entrambe per le continue aggressioni verbali e non, costringendole a svolgere solo le attività casalinghe. 

Il giudice, infine, ha disposto nei confronti del 43enne anche l’applicazione del braccialetto elettronico per una maggiore tutela delle vittime. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, costringe moglie e figlia a lavorare in casa senza contatti con l’esterno

PerugiaToday è in caricamento