Il Questore critica i giornalisti, il Presidente dell'Ordine risponde: "Toni inopportuni"

La critica costruttiva, a dire del Questore Francesco Messina, che ha riguardato gran parte del suo discorso per i 165 anni della Polizia a carico del giornalismo locale, ha provocato la replica del presidente dell'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria Roberto Conticelli che ha raccolto in queste ore il "rumoroso" malumore di tanti giornalisti e operatori del settore. La critica del Questore senza fare nomi e testate è stata riportata con massima correttezza dai media locali - compreso il nostro - ma francamente ha fatto soprattutto male perchè avvenuta in un contesto pubblico e con toni pacati ma netti, anzi nettissimi. 

"Valutiamo come inopportuni i toni utilizzati dal questore dottor Francesco Messina quando descrive il rapporto tra la realtà dell'ordine pubblico locale e le testate giornalistiche umbre. Additare a taluno degli operatori dell'informazione la responsabilità di favorire l'”insorgere di un tanto diffuso quanto ingiustificabile senso di vittimizzazione indiretto che ha finito per affermare l'idea di una collettività pervasa dal senso di insicurezza e quasi priva di tutela nei confronti di una minaccia incontrollabile”,  sembra francamente eccessivo".

Conticelli ammette che la categoria non è esente "da sbavature ed errori che in quanto tali vanno evitati e stigmatizzati, così come fughe in avanti e vuote ricerche di sensazionalismo comunque valutate dagli organi interni di controllo e se del caso sanzionate dai consigli di disciplina" ma allo stesso tempo non è accettabile subire una "generalizzazione praticata dal questore, per di più in un contesto di cerimonia e bilancio come quello dell'annuale Festa della Polizia, appare quantomeno fuori luogo. Ciò anche in considerazione di una pubblicistica umbra legata alla cronaca battente che nella sua quasi totalità si attiene scrupolosamente alle fonti, non omettendo però di rimarcare criticità e problemi aperti anche con inchieste e approfondimenti".

Il presidente Conticelli resta a disposizione del questore e più in generale di chiunque, autorità o semplice cittadino, intenda serenamente confrontarsi con lui e con il Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria sui temi specifici dell'informazione e sull'operato dei giornalisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento