Cronaca

INVIATO CITTADINO Perugia, quel vespasiano è maschilista ma io ce la faccio comunque…

Problemi e intasamenti per l'orinatoio di via delle Cantine, utilizzato anche dalle donne che sono costrette però ad 'adattarsi'

Quel vespasiano in via delle Cantine è maschilista, ma io ce la faccio comunque… anche se s’intasa. 

Sembra quasi una rivalsa, ma il bagno che prende nome dal primo imperatore della dinastia Flavia è usato anche dall’ “altra metà del cielo”, come il Grande Timoniere (e poi Vasco) appellava il genere femminile. Ma com’è possibile? Con un po’ di “adattamento”. La porcellana, posta a una certa altezza, impedisce la soddisfazione di esigenze fisiologiche femminili. Tanto da rendere inusabile la struttura per le signore. Ma un sistema si può sempre trovare. Con le buone o con le cattive… maniere.

Come ti aggiro l’anatomia. Si dice - parlano testimoni oculari - che una ragazza sta “a guardia” all’esterno del paravento, mentre la collega “espleta” le fisiologiche funzioni. Dove la si fa? Ma per terra, non può essere diversamente! Compiuto l’atto liberatorio, un’asciugatina e via! Tanto che il fazzoletto finisce, educatamente, non per terra, ma nel bacino di raccolta del liquido.

Ma così s’intasa tutto. È ovvio che la coppa della porcellana è nata per ospitare, e far transitare, materia liquida. Così, davanti alla carta gettata in abbondanza, e rigonfiata, s’intasa. E tutto si blocca. In questo modo, l’addetto alla pulizia deve corrispondere a una doppia esigenza. La prima: quella di pulire l’orina che staziona sul pavimento, non essendoci pozzetto per il deflusso. La seconda: quella di “stasare” il tubo di scarico dalla cellulosa che si rigonfia e blocca lo scorrimento.

“Non è cosa semplice  - confessa un addetto - perché quel materiale si amalgama e intasa, quasi “mura” i piccoli punti di deflusso. Così occorre procedere cercando di liberare il tutto. Con una notevole dose d’impegno e di... disgusto. Sebbene con le mani adeguatamente protette dai guanti”. Quale la conclusione? Che ormai la parità dei sessi è data per acquisita. Il vespasiano è solo un deprecabile residuo di una mentalità maschilista. Così è se vi pare.

PS: Non crede, il lettore, che sia il caso di realizzare servizi unisex?

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Perugia, quel vespasiano è maschilista ma io ce la faccio comunque…

PerugiaToday è in caricamento