Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Perugia, rissa tra giovani in centro storico: dopo le denunce arrivano i 'Daspo Willy'

A firmare i provvedimenti (la cui disciplina è stata modificata nel 2020 in seguito alla tragica morte del giovane Willy Monteiro Duarte) il questore Sbordone: destinatari della misura due eugubini e un perugino

Mentre la 'movida selvaggia' e le diverse risse in centro storico continuano a far discutere a Perugia, il questore Antonio Sbordone ha adottato sette provvedimenti di divieto di accesso ai pubblici esercizi o ai locali di pubblico trattenimento, nonché lo stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi. Una misura di prevenzione anche detta 'Daspo Willy', la cui disciplina è stata infatti modificata nel 2020 all’indomani dei tragici fatti che portarono alla morte del ventiduenne Willy Monteiro Duarte (la violazione del provvedimento è punita con la reclusione da sei mesi a due anni e una multa da 8.000 a 20.000 euro).

I primi provvedimenti sono riferiti alla rissa tra giovani perugini ed eugubini avvenuta nella serata di venerdì scorso (11 giugno) in Piazza della Repubblica, dopo una discussione animata iniziata in Piazza IV Novembre senza un motivo apparente. A interrompere lo scontro il pronto intervento delle pattuglie della Polizia, che ha poi identificato sei giovani mentre altri si sono dati alla fuga (ancora in corso però, attraverso l’analisi delle immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza presenti nella zona, gli accertamenti finalizzati alla loro identificazione).

Perugia, troppe risse e sfide a colpi di bottiglie: nuova ordinanza su alcol da asporto

I giovani sono stati tutti denunciati per il reato di rissa aggravata e lesioni con il questore che ha poi adottato il foglio di via dal Comune di Perugia con il divieto di ritorno per due eugubini 20enni e un 19enne di Marsciano, tutti incensurati. Il 'Daspo Willy' è stato invece disposto per due eugubini di 21 e 20 anni, entrambi incensurati, e per un perugino di 20 anni: per loro divieto di accesso ai pubblici esercizi o ai locali di pubblico trattenimento, nonché nelle immediate vicinanze degli stessi per un anno.

Questo stesso tipo di provvedimento è stato poi emesso nei confronti di quattro soggetti (uno straniero e tre italiani) a seguito di una rissa avvenuta ad Umbertide il 31 dicembre 2020, fuori da un locale. Attesi i precedenti giudiziari, per due dei co-rissanti il divieto è stato esteso a tutti i locali della provincia di Perugia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, rissa tra giovani in centro storico: dopo le denunce arrivano i 'Daspo Willy'

PerugiaToday è in caricamento