menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria, crescono i casi di melanoma: 200 casi all'anno

Il dato emerge dalla relazione che il direttore della struttura complessa di oncologia medica dell'ospedale Santa Maria di Terni, Fausto Roila, ha tenuto nella seconda giornata del 51/o congresso Adoi

Il melanoma metastatico, patologia tumorale della pelle è in "forte crescita" in Umbria con oltre 200 nuovi casi l'anno, ma al tempo stesso sono stati scoperti nuovi farmaci in grado di aumentare la sopravvivenza.

E' quanto emerso dalla relazione che il direttore della struttura complessa di oncologia medica dell'ospedale Santa Maria di Terni, Fausto Roila, ha tenuto nella seconda giornata del 51/o congresso Adoi (Associazione medici dermatologi ospedalieri italiani) in corso all'Umbriafiere di Bastia Umbra.

"Negli ultimi 30 anni - spiega Roila - nonostante fossero state eseguite centinaia di sperimentazioni, la chemioterapia, l'immunoterapia, e le terapie a bersaglio molecolare, sia da sole che in combinazione, non hanno determinato miglioramenti significativi della sopravvivenza dei pazienti con melanoma. Le scoperte scientifiche hanno permesso di individuare che il gene Braf mutato, riscontrato nel 40-60% dei pazienti con melanoma metastatico è responsabile della progressione della malattia.

Alcuni antagonisti del gene Braf, Vemurafenib e Debrafenib-continua l'esperto- hanno dimostrato di aumentare significativamente la sopravvivenza rispetto alla vecchia chemioterapia ed indurre riduzioni o addirittura scomparsa della massa tumorale in circa il 50% dei pazienti. Cio ha comportato un netto miglioramento della qualità della vita".  

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento