Lettera di un chirurgo | "Ora siamo angeli ma fino a ieri eravamo bersaglio di aggressioni, denunce e risarcimenti"

"Voi ora siete cambiati, noi siamo sempre gli stessi nonostante tutto e nonostante certe politiche"

Riceviamo e pubblichiamo una lettera profonda e amara di un medico che opera in Umbria, Antonio Di Cintio, e che ha come obiettivo quello di far riflettere i cittadini, i nostri lettori sulla strana metamorfosi, per l'opinione pubblica, dei medici passati da casta privilegiata, a professionisti subissati da denunce - spesso archiviate - e da risarcimenti danni (presunti) per milioni di euro. Medici che, prima di questa tempesta perfetta, a stento trovavano una società di assicurazione che andava a coprire - a livello personale - i rischi professionali che corrono tutti i giorni. Loro ora sono sempre gli stessi ma adesso il popolo li chiami eroi. Quando tutto finirà ricordiamocelo prima di fare i furbetti e di avviare un procedimento. Buona lettura (il direttore Nicola Bossi)

*******

ANTONIO DI CINTIO_1-2di Antonio Di Cintio - Chirurgo Generale

Sono un medico, non sono un eroe, sono un uomo che fa il proprio dovere con coscienza, passione e costanza. Ho sempre fatto questo, ma per anni la mia categoria è stata bersagliata da aggressioni verbali, mediatiche, volte a trovare un capro espiatorio per quello che l’opinione pubblica considera malasanità. Per anni abbiamo subito tagli a posti letto e assenza totale di assunzioni con turni massacranti. E’stata introdotta una legge europea per regolamentare il nostro orario di lavoro, quanti dopo la notte si sono fermati in sala operatoria perche altrimenti non vi era personale per l’intervento? Nessuno ha mai abbandonato un paziente, un intervento, e la procedura che stava svolgendo allo scadere del proprio turno. Ore in più mai riconosciute, ma l’atteggiamento dei sanitari nei confronti dei pazienti non è mai
cambiato. Ora che ogni giorno l’opinione pubblica vede quello che da sempre facciamo ci osanna definendoci angeli.

Siamo gli stessi di prima, perseguitati da avvisi di garanzia per colpe che non abbiamo! Siamo uomini, non siamo Dio, a volte i miracoli non possiamo farli. Siamo gli stessi che subiamo l’angoscia di doversi presentare come assassini nelle aule dei tribunali con l’unica colpa di aver svolto il nostro lavoro. Certo le mele marce sono presenti in ogni categoria ma non è di poco conto la statistica che vede il 90% delle cause nei confronti dei medici concludersi con il non luogo a procedere. Ora siano angeli, ma la politica non acconsentirà ad assumersi le responsabilità di non aver fatto qualcosa prima per arginare la diffusione del virus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche in questo caso saremo perseguitati noi medici per non aver messo in atto le procedure, ma nessuno si chiede chi fa le procedure? Persone che spesso in corsia non ci sono mai state! Nessuno si chiederà perché c’è stato il sacrificio di 50 camici bianchi che senza presidi o con scarsi DPI hanno continuato a fare il proprio dovere. Dovremo riflettere, ma questo non è il Paese della riflessione, ma del colpevole a tutti i costi. Quante altre vite dovranno essere spezzate per risvegliare la coscienza di quelli che vedevano nei medici una casta di privilegiati?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento