Cronaca

Lega, il vice-sindaco di Todi lascia. Caparvi e Alessandrini: "I personalismi non interessano i leghisti e gli elettori. Dobbiamo pensare all'Umbria"

La replica del segretario e della vice-segretaria del movimento Salvini in Umbria. "Negli ultimi mesi diversi amministratori sono entrati in Lega ma succede anche che qualcuno scelga di uscire..."

L'uscita del vice-sindaco di Todi - già candidato a sindaco della Lega - dal partito, seppur rumorosa, non ha scalfito più di tanto le certezze politiche e di gestione del movimento del segretario regionale Virginio Caparvi e della senatrice Valeria Alessandrini, vicesegretario Lega Umbria, commissaria del circolo di Todi. Le accuse di aver favorito una minoranza fedele, rispetto ad una maggioranza di iscritti (più vicina al vice-sindaco?) sono state respinte al mittente, ribadendo che la democrazia interna non è in discussione visto gli imminenti congressi dove tutti gli iscritti si esprimeranno liberamente. Il segretario si sente sicuro e perdere un amministratore è doloroso ma viene compensato da altre entrate di queste settimane di altri assessori e consiglieri.

Lega, la lettera di addio del vice-sindaco di Todi Ruspolini: "Umiliati cento liberi iscritti per favorire 7-8 fedelissimi"

"Negli ultimi mesi diversi amministratori sono entrati nel nostro movimento - hanno spiegato Caparvi e Alessandrini - ma succede anche che qualcuno scelga di uscire. È il caso di Ruspolini che pur contattato più volte, anche per condividere punti di incontro e prospettive sulle amministrative del 2022, non si mai reso disponibile a un confronto. Prendiamo atto della decisione e andiamo avanti nel progetto di costruzione e rafforzamento di un movimento che vive di slanci e non di contrapposizioni inutili". Poche righe per liquidare e guardare avanti per un progetto regionale e nazionale più ampio. E in mezzo ci saranno le amministrative che per duo Caparvi-Alessandrini saranno la verifica anche del loro operatoro.  

"Nei prossimi mesi - hanno concluso - ci saranno i congressi di sezione e dunque gli iscritti saranno chiamati ad un giusto e doveroso momento di confronto e di democrazia dopo un anno difficile anche per la Politica fatta sul territorio.  La Lega Umbria va avanti oltre i personalismi perché è così che è risultata vincente in tutti gli appuntamenti elettorali degli ultimi anni, dimostrando di essere forza di governo capace e responsabile grazie al lavoro di squadra e al sostegno del partito a tutti i livelli, iniziando proprio dalle amministrazioni comunali”. L'accusa di personalismi viene stavolta gettata sul vice-sindaco di Todi e la pratica archiviata. Ora bisogna capire se Ruspolini e il caso Spoleto sono delle falle alla diga del consenso, o semplici sversamenti in dolore. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lega, il vice-sindaco di Todi lascia. Caparvi e Alessandrini: "I personalismi non interessano i leghisti e gli elettori. Dobbiamo pensare all'Umbria"

PerugiaToday è in caricamento