rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Piazza IV Novembre

Umbria Jazz, concerti in piazza a numero chiuso: il piano-sicurezza della polizia

Le aree dei Giardini Carducci e di Piazza Quattro Novembre verranno delimitate: varchi e numero chiuso

E, alla fine, tocca anche a Umbria Jazz. La parola d’ordine è sempre quella: sicurezza. Così, dopo le disposizioni per L’Umbria che spacca e l’ordinanza del sindaco Romizi per bar e ristoranti, ecco il piano del Questore di Perugia Francesco Messina per Uj. Un piano predisposto sulla base delle direttive dalle riunioni del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto. Ci saranno “migliori condizioni di sicurezza possibili”, spiega la Questura,  ma anche la “garanzia e salvaguardia della libera fruizione degli spettacoli di “Umbria Jazz”.


Per gli eventi a pagamento (Arena Santa Giuliana, Teatro Morlacchi, Galleria Nazionale dell'Umbria), le principali novità rispetto alle misure già abitualmente adottate nel corso delle edizioni precedenti, consisteranno in un’intensificazione dei controlli di sicurezza all’accesso del pubblico.

“Per facilitare l’esecuzione delle ordinarie verifiche  - scrive la polizia di Perugia - si raccomanda al pubblico di presentarsi in anticipo agli ingressi affinché le procedure di controllo di sicurezza possano essere espletate senza causare code e ritardi inutili”. 

Le aree dei Giardini Carducci e di Piazza Quattro Novembre, invece, verranno delimitate allo scopo di evitare eccessivi e pericolosi sovraffolamenti. Sì, ma come? Con appositi varchi presidiati da stewards dell’organizzazione e dalle Forze dell’Ordine, che bloccheranno l’accesso al raggiungimento del numero massimo di capienza prefissato per ciascuna area. Con un’unica area di accesso e una di uscita. Rafforzati anche i controlli contro i furti, le rapine e gli scippi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria Jazz, concerti in piazza a numero chiuso: il piano-sicurezza della polizia

PerugiaToday è in caricamento