rotate-mobile
Cronaca

Il punto sulla pandemia in Umbria, previste zone rosse locali? Dario: "Non al momento". Le aree più a rischio

La spiegazione del direttore regionale sanità Claudio Dario in video-conferenza con i giornalisti

"Non ci sono al momento ipotesi di zone rosse locali in Umbria": lo ha affermato il direttore regionale Sanità e Welfare Claudio Dario nel corso della video-conferenza stampa per fare il punto sulla pandemia in Umbria. "I dati dimostrano al momento - ha spiegato - che non ci sono differenze tali tra i territori per giustificare un intervento localizzato che risulterebbe utile per contenere la pandemia che resta in ascesa".

Coronavirus in Umbria, la mappa al 6 novembre: tutti i dati comune per comune 

Coronavirus in Umbria, il bollettino del 6 novembre: 767 nuovi positivi, 9 decessi e ricoveri in aumento

Si temeva per i numeri registrati soprattutto nel capoluogo di regione. ma evidentemente la task-force regionale non ha registrato una situazione d'allarme tale da giustificare un blocco pesante del mondo lavorativo e sociale. Sia Dario che Onnis - commissario per l'emergenza - hanno ammesso però che ci sono territori più in difficoltà rispetto agli altri: il perugino, l'area del Trasimeno e Assisi-Bastia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il punto sulla pandemia in Umbria, previste zone rosse locali? Dario: "Non al momento". Le aree più a rischio

PerugiaToday è in caricamento