Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Lavoratori in nero e sicurezza zero sul cantiere: pugno di ferro contro due impresari, maxi multa e sospesi dall'attività imprenditoriale

La scoperta fatta in Umbria dai Carabinieri e dagli ispettori del lavoro che hanno effettuato un blitz in un cantiere di edilizia residenziale

 Nonostante le campagne di informazione e prevenzione, nonostante il quotidiano drammatico tam-tam mediatico e politico sugli incidenti sul lavoro in forte aumento, ci sono ancora imprenditori che non vogliono adeguarsi alle norme costrigendo operai (per giunta anche in nero) ad operare senza gli strumenti fondamentali per tutelarsi. E' sconfortante a scoperta fatta in Umbria dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Terni, in collaborazione con il personale tecnico dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Terni, in un cantiere che era finito nel mirino degli ispettori: gravi mancanze relative alla sicurezza sui luoghi di lavoro e per l’utilizzo di lavoratori “in nero”. In particolare - nel cantiere di edilizia privata a Montecastrilli - l’ispezione ha fatto emergere, oltre alla mancata realizzazione di alcuni parapetti di sicurezza, l’assenza di alcuni dei documenti prescritti dalla specifica normativa per l’utilizzo di ponteggi. Nei guai sono finiti due imprenditori edili - uno del posto e uno di origine campane - che oltre ad essere denunciati a loro carico è scattato anche il provvedimento amministrativo della sospensione dell'attività imprenditoriale. E sono state certificare sanzioni amministrative per 8mila euro. Provvedimenti duri per far capire che non si gioca e non si fa fatturato sulla pelle dei propri dipendenti privati dei dispositivi di sicurezza previsti dalle legge nazionali.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori in nero e sicurezza zero sul cantiere: pugno di ferro contro due impresari, maxi multa e sospesi dall'attività imprenditoriale
PerugiaToday è in caricamento