Umbria, più di duemila persone colpite da ictus ogni anno: ecco come fronteggiarlo

Il corso di formazione Simeu per medici e infermieri d’emergenza e urgenza all'ospedale di Perugia

Il fattore tempo, in caso di ictus, è fondamentale. Un trattamento terapeutico appropriato e tempestivo è in grado di contenere in maniera decisiva i danni cerebrali del paziente, riducendo i tassi di mortalità e di sequele disabilitanti. La sezione umbra della SIMEU (Società Italia Medicina d’Emergenza-Urgenza), in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia, ha organizzato un evento formativo, lunedì 6 giugno presso il polo didattico dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia, rivolto a medici e infermieri di emergenza e urgenza di tutto il territorio. L’obiettivo è quello di illustrare ai partecipanti i più recenti aggiornamenti in campo di trombolisi e di favorire un confronto tra gli operatori del settore.

Oltre 2.000 umbri, ogni anno, sono colpiti da ictus, con sequele disabilitanti nel 30-40% dei casi e un tasso di mortalità che in certe fasce d’età può arrivare fino al 20%. “Negli ultimi anni”, dichiara il presidente della SIMEU Umbria Alessio Gamboni, “l’aumento delle conoscenze sulla fisiopatologia e la scoperta di nuove strategie terapeutiche hanno modificato notevolmente l’approccio al trattamento della malattia, consentendo di ottenere risultati invidiabili. L’ictus acuto è ormai riconosciuto come un’emergenza medica. Entro 3 ore dall’inizio della sintomatologia tutte le linee guida internazionali raccomandano la somministrazione di una terapia salvavita con farmaci trombolitici (rt-PA) e, secondo i più recenti studi clinici, tale finestra terapeutica può essere estesa sino a 4,5 ore in casi selezionati”. La trombolisi è efficace e spesso provvidenziale. Ma ancora troppi pochi umbri colpiti da ictus ne possono godere. 

Nonostante evidenze scientifiche esistenti già da anni, infatti, riuscire a sottoporre a trombolisi i pazienti colpiti da ictus nei tempi necessari risulta complicato. Il fattore principale è la difficoltà, da parte degli stessi pazienti, di riconoscere i sintomi della patologia. I cittadini, in altre parole, prendono coscienza tardi dell’arrivo dell’ictus. Per questo è sempre più importante ottimizzare i tempi della filiera sanitaria, dall’intervento del 118 sul posto al trattamento terapeutico in ospedale. Il corso organizzato dalla SIMEU Umbria, intitolato “Percorso ictus: dal territorio alla trombolisi” e promosso, tra agli altri, dal presidente dell’European Stroke Organisation (ESO), la Dott.ssa Valeria Caso (Stroke-Unit Perugia), mira proprio a sviluppare piena consapevolezza sul percorso diagnostico terapeutico regionale e le sue modalità di attivazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il corso si svolgerà nell’Aula 5 dell’edificio B-2 del polo didattico del Santa Maria della Misericordia, e prevede una serie di lezioni frontali tenute da docenti SIMEU (medici di emergenza-urgenza operanti sul territorio regionale) e da neurologi provenienti da alcuni Centri Ictus della regione (AUSL Umbria 2 – Azienda Ospedaliera di Perugia). L’evento sarà anche un importante momento di integrazione e confronto tra operatori dell’emergenza territoriale, medici di PS e neurologi provenienti dai centri hub e spoke della regione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento