rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Stroncata dalla meningite 45enne umbra: donati i suoi organi, sei vite salvate

La paziente era in stato di coma nel reparto di rianimazione da venerdì 6 novembre. Il decesso a causa di una gravissima meningoencefalite da pneumococco originata da complicanze di una pansinusite purulenta

Non c'è stato nulla da fare per la donna di 45 anni colpita da una gravissima forma di meningite. La diagnosi di morte cerebrale era stata fatta ieri (giovedì 12 novembre) e solo al termine del periodo di osservazione e degli esami previsti dalle disposizioni di legge per l’accertamento della morte si è potuto procedere all’espianto come autorizzato dai famigliari. 

Gli organi espiantati - fegato, reni e cornee - sono  già stati trasferiti nei centri di trapianto di riferimento per dare nuove prospettive di vita ad altre persone. Ad effettuare gli interventi di prelievo degli organi sono state tre equipe sanitarie, una giunta da Roma per il fegato e una da Perugia per i reni, mentre l’equipe di oculistica del Santa Maria di Terni ha effettuato il prelievo delle cornee, che sono state poi consegnate alla banca degli occhi di Fabriano.
 
L’espianto degli organi è stato possibile grazie alla sensibilità e alla generosità dei familiari della paziente che, a conoscenza della volontà della defunta di donare gli organi, hanno espresso il loro consenso all’espianto. 

Un nuovo esemplare gesto di generosità e di solidarietà  umana  grazie al quale altre persone in pericolo di vita o comunque affette da patologie invalidanti riceveranno presto gli organi donati per beneficiare di un importante e non altrimenti realizzabile miglioramento delle loro condizioni di vita

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncata dalla meningite 45enne umbra: donati i suoi organi, sei vite salvate

PerugiaToday è in caricamento