Cronaca

Giustizia è fatta, anche Cascia accede ai fondi per le città santuario: passa emendamento di Briziarelli sostenuto da tutti i partiti

Il senatore della Lega: "Questa scelta pone rimedio ad un’evidente ingiustizia che colpiva il Comune di Santa Rita che, pur contando 185 mila presenze turistiche all’anno"

Un passo importante per Cascia e la sua comunità ai tempi della grave crisi da coronavirus che ha azzerato il turismo e il settore ricettivo. Le Commissioni Bilancio e Finanze del Senato hanno approvato gli emendamenti sia della senatrice umbra Fiammetta Modena che del senatore umbro della Lega, Luca Briziarelli sulle città santuario. Grazie ai testi approvati alla unanimità il Comune di Cascia non è più escluso dall’intervento di Sostegno, che era stato eliminato per le città con meno di 10mila abitanti.

Gli emeFIAMMETTA MODENA 15ndamenti sono stati presentati a seguito di un appello lanciato dal Sindaco della Città di Cascia e inviato a tutti i parlamentari. Il Comune di Cascia, infatti, ha 3.100 abitanti e la sua economia ruota intorno al Santuario di Santa Rita. La missiva era stata firmata anche dall’arcivescovo di Spoleto, dal Rettore del Santuario, dal Monastero di Santa Rita, dal Rettore del santuario di Rocca porena e da Confcommercio e Federalberghi. "Ora il testo confluirà nel maxi emendamento che sarà votato dal Senato Giovedì per poi passare alla Camera per la conversione definitiva del Decreto Sostegni 1";: ha spiegato la senatrice Fiammetta Modena (nella foto a sinistra). 

"Anche le attività economiche del centro storico di Cascia potranno accedere ai contributi a fondo perduto previsti dal “decreto ristori” per i Comuni a vocazione turistica nel cui territorio siano presenti Santuari. Ciò sarà possibile grazie all’emendamento a mia primabriziarelli-1-2 firma approvato questa notte all’unanimità dalle Commissioni Bilancio e Finanze. Cascia si aggiunge ai comuni umbri di Assisi. Todi e Orvieto”: ha spiegato con orgoglio il senatore umbro Luca Briziarelli (foto a destra).  

"Questa scelta pone rimedio ad un’evidente ingiustizia - ha concluso Briziarelli - che colpiva il Comune di Santa Rita che, pur contando 185 mila presenze turistiche all’anno, delle quali moltissime provenienti dall’estero, risultava escluso per il numero dei suoi abitanti, appena sopra i 3mila abitanti. Ciò era doppiamente penalizzante tenuto conto che il crollo delle presenze turistiche dovuto al Covid, nel caso dei Comuni del cratere, si è aggiunto a quello derivante dal terremoto. In questi mesi come Lega abbiamo seguito costantemente i problemi delle attività economiche dei centri storici. Quello compiuto è un altro passo nella giusta direzione, continueremo a batterci perché nei futuri provvedimenti sia possibile reperire risorse sufficienti per tutte le tipologie di Comuni a vocazione turistica che contino il numero di presenze straniere previste a prescindere dagli abitanti.”

AGGIORNAMENTO - ORE 10 - Anche il Pd (Mirabelli), Movimento 5 Stelle (Pavanelli) e Fratelli d'Italia (Zaffini) hanno modificato il proprio emendamento su, Cascia - per farla entrare nelle città Santuario - convergendo sul testo Briziarelli che invece di eliminare il tetto di 10mila abitanti ha chiesto una deroga per i comuni del cratere del sisma del Centro Italia. Questo ha permesso di far entrare Cascia senza ridurre eccessivamente i fondi alle città già assegnatarie come Todi, Spoleto, Assisi, Orvieto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giustizia è fatta, anche Cascia accede ai fondi per le città santuario: passa emendamento di Briziarelli sostenuto da tutti i partiti

PerugiaToday è in caricamento