Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Follia nei boschi, posizionata trappola che poteva uccidere anche escursionisti: la denuncia del Wwf di Perugia

Individuato un bracconiere che ha posizionato un fucile caricato a pallettoni con un filo legato al grilletto pronto a sparare in caso di passaggio di fauna ma anche di uomini

Un fucile caricato a pallettoni, posizionato in mezzo al bosco, pronto a sparare (senza la presenza del bracconiere) grazie ad un meccanismo tanto semplice quando ingegnoso. L'autore di questra pericolosa e illegale trovata aveva fissato un filo da pesca al grilletto del fucile, mettendolo in tensione e posizionando il filo per tutta la larghezza del sentiero, in maniera tale che chiunque lo avesse toccato, ne avrebbe provocato lo sparo. La munizione spezzata, caricata a pallettoni, a distanza ravvicinata, non avrebbe lasciato scampo sia al cinghiale che aveva deciso di attirare con una speciale pastura. La scoperta è stata fatta in queste ore ed è stato tutto denunciato dal Wwf di Perugia. Il ritrovamento è avvenuto nell'area di Gualdo Cattaneo.

La trappola poteva provocare la morte anche di un escursionista e non solo dei selvatici. Scrivono gli ambientalisti: "Da notare che, se anche i pallettoni non avessero colpito parti vitali, avrebbero comunque certamente provocato la morte della persona per intervenuta emorragia, in quanto a quella distanza ravvicinata, il colpo inevitabilmente, avrebbero reciso probabilmente le arterie e/o vene femorali o tibiali, colpendo all’altezza della coscia, polpaccio". L'autore di questo folle gesto sarebbe stato identificato - già con diversi precedenti - e denunciato. Il WWF di Perugia, come ormai da anni succede in maniera sistematica, tramite il proprio legale Avv. Valeria Passeri, si costituirà parte civile nel processo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Follia nei boschi, posizionata trappola che poteva uccidere anche escursionisti: la denuncia del Wwf di Perugia

PerugiaToday è in caricamento