menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acquista abiti griffati ma è una truffa: i carabinieri inchiodano uno 'specialista'

Denunciato dai militari della stazione di Valfabbrica un 36enne con alle spalle diverse denunce simili

La truffa è sempre dietro l'angolo sul web o sui social, canali molto usati anche per lo 'shopping' in tempi di coronavirus con i negozi chiusi e la gente costretta a restare a casa in quarantena. A cadere nella rete stavolta un ragazzo di Valfabbrica, catturato da un annuncio pubblicato su un social network che proponeva oggetti griffati in vendita. Contattato poi l'inserzionista, dopo varie interlocuzioni ecco scattare il pagamento mediante ricarica su carta prepagata per l’acquisto di alcuni capi di abbigliamento.

Ladri in casa ai tempi del Coronavirus: "Hanno stordito il cane e sfondato la finestra..."

L'attesa della merce comprata è stata però vana perché, come nel più classico dei casi, una volta ricevuto il denaro il venditore è sparito rendendosi irreperibile sui contatti forniti al malcapitato di turno.  Partita la denuncia, si sono messi però all'opera i carabinieri della stazione di Valfabbrica che dopo una serie di indagini hanno denunciato un 36enne di origine pugliese, ritenuto colpevole del raggiro e risultato essere un truffatore seriale con diverse altre denunce alle spalle per analoghe operazioni di vendita online.

Spaccata in auto e via il portafoglio, ladri in azione anche durante il "coprifuoco" da Coronavirus

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento