menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, addio zona rossa dal 6 aprile si ritorna in zona arancione: le regole su scuole, negozi, spostamenti

Dal 20 aprile se i dati continueranno a migliorare si ipotizza il ritorno alla zona gialla: con ristoranti, cinema, teatri e palestre riaperti ma con limitazioni

Dopo i tre giorni di zona rossa imposta a tutto il Paese, l'Umbria dal sei aprile tornerà in zon arancione, con regole meno restrittive. E sei dati continueranno a diminuire in fatto di contagi e ricoveri, dal 20 aprile - secondo gli ultimi rumors nazionali - il Governo potrebbe dare il via libera in anticipo verso fasce minori con nuove riaperture per sport, palestre, bar, ristoranti e spostamenti. Ma soprattutto si ipotizza la riapertura di cinema e teatri. Per arrivare a maggio il ritorno alla socialità, seppur con dei limiti, dovrebbe essere esteso a tutto il Paese. Ma intanto si ritorna arancioni ed ecco le regole da rispettare dal 6 aprile prossimo. 

ZONA ARANCIONE - Le visite, sempre una sola volta al giorno e sempre in non più di due persone, sono consentite in zona arancione, all'interno del Comune di residenza. Sono vietati gli spostamenti al di fuori del proprio Comune. Per quei territori con meno di 5mila abitanti è consentito spostarsi entro i 30 km dal confine del proprio Comune, con il divieto però di recarsi verso i capoluoghi di Provincia. Scuole in presenza fino alla prima media, tutti gli altri in Dad almeno fino all'11 aprile. Tutti i negozi sono aperti, compresi parrucchieri, barbieri e centri estetici, mentre i centri commerciali restano chiusi nel fine settimana.

CONFERMATO IL COPRIFUOCO - E' vietato uscire di casa dalle 22 alle 5. Il divieto non vale in caso di lavoro, salute o necessità. Bar e ristoranti restano chiusi: possibile solo l'asporto, fino alle 18, e la consegna a domicilio, fino alle 22 e solo per i ristoranti. 

FUORI REGIONE - Restano vietati gli spostamenti tra le Regioni, a meno che non si abbia una seconda casa. La mobilità è consentita solo per motivi di lavoro, salute e necessità. Sarà sempre possibile rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento