menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbertide, bidella colpita da meningite: 216 bambini sottoposti a profilassi

Sono state sottoposte a chemioprofilassi farmacologica in totale 262 persone. I medici: "La situazione è sotto controllo"

E' ancora ricoverata Città di Castello in prognosi riservata nell’unità di Rianimazione e Terapia intensiva dell’Ospedale di Città di Castello la bidella di 56 anni colpita dalla meningite nella giornata di venerdì. Intanto, come spiega la Usl Umbria 1 con una nota ufficiale, è stato completato con successo, nel primo pomeriggio di domenica 10 febbraio, l’impegnativo intervento di chemioprofilassi delle persone venute in contatto con la signora di 56 anni risultata affetta da meningite meningococcica. "L’intervento - spiegano i medici - , finalizzato a ridurre in maniera significativa il rischio minimo di casi secondari, consente di affermare che la situazione è sotto controllo". 

Meningite, chi deve vaccinarsi e quando

Sono stati sottoposti a chemioprofilassi farmacologica in totale 262  persone, in particolare 216 bambini che frequentano una scuola dell’infanzia e due scuole primarie di Umbertide, 24 persone tra personale interno ed esterno delle scuole interessate e 22 persone venute in contatto occasionale con la signora durante lo stazionamento in Pronto Soccorso di  Umbertide. Inoltre sono stati necessariamente sottoposti a chemioprofilassi anche tutti gli operatori sanitari a contatto con la paziente. È stata attuata anche una fondamentale azione di informazione dei genitori dei bambini e il personale del Servizio Igiene e Sanità Pubblica della ASL ha risposto a tutti i quesiti posti. Anche i Pediatri di territorio sono stati rapidamente informati. Si segnala che si è riusciti a raggiungere anche una persona residente in Emilia Romagna e che nella giornata  di venerdì  aveva effettuato un accesso presso il Pronto Soccorso di Umbertide. 

Città di Castello: allarme meningite, 55enne ricoverata in ospedale

E ancora: "L’intervento estremamente complesso perché organizzato in tempi strettissimi nei giorni di sabato e domenica con le scuole chiuse, ha visto il coinvolgimento di una task force rappresentata da più Medici e Operatori del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della USL Umbria1, nonché da Farmacisti e con l’apporto fondamentale della Dirigenza Scolastica, del Comune  e della Polizia Municipale di Umbertide. Il Sindaco di Umbertide e la Direzione Aziendale della USL Umbria 1, sono stati tenuti costantemente aggiornati sull’evolversi dell’intervento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento