rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca Gubbio

Omicidio a Gubbio, coltellate al marito e poi la chiamata ai carabinieri: "L'ho ucciso"

Ad armare la mano Maria Grazia Fioriti, 76 anni, ex dipendente delle Poste, i violenti atteggiamenti dell'uomo

Più coltellate, forse sette, mentre il marito dormiva. "Era cattivo con tutti, doveva finire". Avrebbe colpito a sangue freddo, Maria Grazia Fioriti, 76 anni, dipendente delle Poste in pensione - questa la ricostruzione - mentre l'uomo, Enzo Bei Angeloni, ex imprenditore edile, stava riposando sul letto. Esasperata, sembra, dal comportamento dell'uomo, da tempo malato. L'omicicio ieri pomeriggio, mercoledì 27 marzo, nell'abitazione di famiglia, in via Cristini, a Gubbio, città nella quale da vent'anni non si verficavano episodi di sangue simili.

E' stata lei a chiamare i carabinieri e quindi il figlio per confessare quanto avvenuto nella loro casa del centro storico, e ha atteso in casa il loro arrivo. La donna è indagata per omicidio, ma nei suoi confronti non sono stati presi provvedimenti restrittivi. Le indagini  vanno avanti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio a Gubbio, coltellate al marito e poi la chiamata ai carabinieri: "L'ho ucciso"

PerugiaToday è in caricamento