menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sebastiano Dimasi

Sebastiano Dimasi

Uccide a coltellate il rivale in amore, l'indagato: «Mi sono difeso». Ma spunta una testimonianza choc

«Mi ha aggredito lui per primo, io mi sono solo difeso, non volevo uccidere». Si difende Sebastiano Dimasi, detto Nello, il 55enne accusato dell’uccisione di Alessandro Vitaletti

«Mi ha aggredito lui per primo, io mi sono solo difeso, non volevo uccidere». Si difende Sebastiano Dimasi, detto Nello, il 55enne accusato dell’uccisione di Alessandro Vitaletti. Assistito dall’avvocato Enrico Carmenati, Dimasi ha parlato a colloquio con il pm titolare dell’indagine Serena Bizzarri, che ieri sera ha ascoltato la sua versione dei fatti per circa due ore. L’indagato, ora recluso nel carcere di Montacuto (Ancona), ha spiegato di aver reagito ad un’aggressione dell’insegnante, in soggezione davanti al 48enne fisicamente più prestante.

Uccide a coltellate il rivale in amore, l'uomo già denunciato per stalking: ma il suo vero obiettivo era la ex?

Spaventato, Dimasi avrebbe reagito d’impeto, tirando fuori la lama. Una versione che, se trovasse conferma, attenuerebbe la sua posizione. Ma nelle ultime ore spunta una testimonianza choc, raccolta dagli investigatori durante le ore successive al delitto. Secondo un residente che conosceva entrambi, i due si erano già affrontati a muso duro e Dimasi avrebbe minacciato Vitaletti dicendo: «La prossima volta ti ammazzo». Parole pesantissime. Soprattutto alla luce di quanto poi accaduto sabato pomeriggio intorno alle 17 in via Buozzi, davanti al Bar dello Sport. Lì dove Dimasi stava giocando a carte quando ha visto arrivare il professore.

E’ uscito e gli è andato incontro, armato di un coltello che teneva nella tasca della giacca. Delitto premeditato? Impossibile dirlo ora. Anzi è un’ipotesi da escludere al momento dato che Dimasi non ha mai avuto un piano per la fuga, altrimenti non avrebbe mai passato la notte in un casolare abbandonato e al gelo delle montagne dove, al calar del sole, il termometro tocca anche i meno 6 gradi. Una cosa è certa: quando l’omicida ha visto Vitaletti fermarsi con l’auto dall’altra parte della strada, gli è andato incontro.

Lo confermano i clienti che stavano giocando a carte con lui. Cosa è successo di preciso nei minuti successivi? Ci sono molte testimonianze ma nessuna in grado di scandire ogni singolo fotogramma della tragedia. Pezzi di un omicidio, sufficienti ma non risolutivi. Tanto che i Carabinieri di Fabriano e Sassoferrato proseguono le indagini. Non solo per aggiungere gli ultimi tasselli ad un puzzle comunque ormai chiaro. Infatti c’è ancora un’arma del delitto che non si trova.

Continua a leggere

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento