rotate-mobile
Cronaca Assisi

"Tu non sai chi sono io" e minaccia l'automobilista con una pistola: a processo

La vittima si era fermata per chiedere all'uomo perché lo stesse seguendo

Seguito con l’auto e minacciato con la pistola. Un 55enne di Assisi, assistito dall’avvocato Federico Calzolari, si è costituito parte civile in un processo che vede imputato una persona, difesa dall’avvocato Gabriele Boschi, per minaccia aggravata dall’uso di una pistola.

La vittima stava guidando ad Assisi quando ha notato un’autovettura che lo seguiva. Svoltando e cambiando direzione si fa il convincimento che quella vettura lo stesse proprio seguendo. Magari qualcuno che ce l’aveva con lui per il passato lavoro nella sicurezza e nelle investigazioni.

Così decide di fermarsi e di avvicinarsi all’auto. E appena si accosta al finestrino l’altro avrebbe compiuto il reato di minaccia “perché estraendo dalla tasca del giubbotto una pistola tipo revolver e mostrandola” all’uomo che si era avvicinato, “proferiva al suo indirizzo le parole: ‘tu non sai chi sono io … la vedi?’”.

Contestata anche la violazione delle leggi sul possesso e porto di armi per “avere illegalmente portato in luogo pubblico un’arma comune da sparo ed in particolare una postola tipo revolver marca Ruger calibro 38”.

Fatti avvenuti ad Assisi il 7 febbraio del 2017.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tu non sai chi sono io" e minaccia l'automobilista con una pistola: a processo

PerugiaToday è in caricamento