Ottiene permesso di soggiorno e pensione di invalidità dichiarando il falso: denunciata

Per la polizia la donna non risiedeva in Italia e tornava dall'Albania solo per riscuotere l'assegno dell'Inps a favore del figlio disabile

Ottiene la pensione di invalidità per il figlio dichiarando di risiedere in Italia, ma gli agenti dell’Ufficio Immigrazione del Commissariato di Assisi scoprono che è tutto falso.

Nel corso dell’istruttoria per il rinnovo di un permesso di soggiorno ad una cittadina di nazionalità albanese, infattui, i poliziotti hanno accertato che la donna faceva la pendolare tra l’Italia e l’Albania, dove effettivamente abitava e che la sua residenza ad Assisi fosse solo fittizia.

La donna, una 48enne albanese, avrebbe preso la residenza ad Assisi, riuscendo così ad ottenere un permesso di soggiorno per assistenza al figlio minore, nato in Albania, nato con gravi patologie irreversibili. Per tale motivo gli veniva riconosciuto un permesso di soggiorno per potersi sottoporre alle cure mediche del nostro SSN ed essere assistito in modo continuativo come necessario e dall’anno 2015, risultava titolare di prestazioni Inps in qualità di tutore di minore invalido con la necessità di assistenza continua, pari all’erogazione di circa 500 euro mensili.

Attraverso l’analisi dei numerosissimi timbri di ingresso e uscita sul passaporto del minore emergevano, però, brevi soggiorni in Italia intervallati da lunghe permanenze in Albania. La donna, nonostante si trovasse in Italia da dieci anni, non parlava ancora bene la lingua italiana tanto da dover ricorrere per la gestione della loro pratica all’aiuto di un parente o di un interprete. Il minore, inoltre, non risultava iscritto in nessun istituto scolastico di Assisi.

Il permesso di soggiorno straordinario, inoltre, è valido solo in Italia e non consente di lasciare il territorio nazionale perché la partenza dall’Italia del minore sarebbe stata rischiosa in ragione della sua salute.

Dall’indagine è emersa anche la corrispondenza dei viaggi della donna con i prelievi dal libretto postale del figlio, libretto dove veniva versata la pensione di invalidità del ragazzo e gestito dalla donna.

Controllando le degenze del ragazzo all’ospedale pediatrico che lo aveva in cura, emergeva che nell’ultimo anno non aveva effettuato alcun accesso, pur essendo bisognoso di cure.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna è stata denunciata in stato di libertà la donna per il reato di truffa ai danni dello Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento