rotate-mobile
Cronaca Norcia

Coppia di anziani non si fa abbindolare e chiama i Carabinieri: denunciati in due per la truffa del finto avvocato

Una prima telefonata per dire che il figlio era in stato di fermo per un incidente stradale e poi che era stato arrestato insieme al padre che era andato in caserma per chiedere spiegazioni

Truffa del finto avvocato e dell'arresto del figlio dopo un incidente stradale, ma questa volta è andata male ai due truffatori, due giovani campani 21enne e 22enne, denunciati dai Carabinieri di Norcia.

La vittima, un 82enne nursino, aveva ricevuto al telefono fisso la telefonata di un uomo che, spacciandosi per un sedicente avvocato, lo informava che suo figlio era rimasto coinvolto in un incidente stradale e, poiché il suo veicolo risultava privo di assicurazione, sarebbe stato arrestato dai Carabinieri. A quel punto l’uomo, molto preoccupato, si era presentato alla stazione Carabinieri di Norcia per verificare quanto stava accadendo a suo figlio e lì scopriva di essere stato vittima di una tentata truffa.

Nel frattempo il sedicente avvocato aveva richiamato a casa dell'uomo e aveva risposto la moglie, la quale diceva che suo marito si era recato in caserma e allora il sedicente avvocato le aveva detto che anche il coniuge, oltre al figlio, era finito in carcere a Spoleto, aggiungendo di preparare denaro e oro presente in casa per poter scarcerare i due.

Grazie alla pronta reazione della coppia di anziani coniugi, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile sono riusciti ad individuare i due giovani, di cui uno già noto alle forze dell’ordine per aver posto in essere in passato condotte simili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppia di anziani non si fa abbindolare e chiama i Carabinieri: denunciati in due per la truffa del finto avvocato

PerugiaToday è in caricamento